Le attività di solidarietà della Comunità di Sant'Egidio sono realizzate grazie al lavoro di volontari e sono finanziate tramite sottoscrizioni, contributi, donazioni, sia pubbliche che private.

Aiutaci ad aiutare

 

il tuo contributo può fare la differenza per tanti

scopri come, scegli tra

                  


change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless...a strada - il ricor... modesta - nella ba... strada. - padova (...n strada contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 

Padova (Italia): Nella Chiesa di San Girolamo la Comunità di Sant'Egidio ha ricordato coloro che, vissuti senza dimora, sono morti per il freddo e per la durezza della vita in strada


 
versione stampabile

Padova (Italia): Nella Chiesa di San Girolamo la Comunità di Sant'Egidio ha ricordato coloro che, vissuti senza dimora, sono morti per il freddo e per la durezza della vita in strada
31 gennaio 2010
 
Domenica 31 gennaio, nella Chiesa di San Girolamo si vedono dei volti nuovi: in tanti, dai diversi angoli della città arrivano per partecipare a questa liturgia. Vengono dai loro giacigli sulla strada, dalla stazione, dall'asilo notturno, dalle parrocchie dove sono ospitati perchè vogliono partecipare a questa celebrazione eucaristica in cui verranno ricordati i nomi dei loro amici che hanno perso la vita in strada. Commozione e raccoglimento, soprattutto quando è il momento della lettura dei nomi e dell'accensione delle candele. Alcuni desiderano accendere personalmente la candela.

Sono quasi trenta le persone che dall'inverno 2004-2005 hanno perso la vita per le difficoltà della vita in strada. Uomini e donne, italiani e stranieri, giovani e anziani.

I primi che vengono ricordati sono coloro che hanno perso la vita nel terribile inverno 2004-2005: Nemri, tunisino di 39 anni, morto la notte di Natale e i due amici, Matiri, 26 anni marocchino e Sai, 37 anni tunisino, morti assieme il 17 gennaio nel loro rifugio provvisorio.

L'ultimo nome è di un amico rumeno. La notte del 29 gennaio 2010 nevicava ed era molto freddo. Non ce l'ha fatta e ha perso la vita in quel casolare abbandonato dove aveva trovato riparo con altri connazionali della Romania.
Per loro questo è un momento di consolazione, nutrito dalla speranza che mai saranno dimenticati.

Alla fine tutti a pranzo, ospiti della Parrocchia, in un clima di grande pace e amicizia.
 

Amici per la strada


NEWS CORRELATE
18 Febbraio 2015
Il ricordo di Modesta

Ognuno ha un nome e una storia: nelle liturgie in ricordo dei senza dimora nascono città più umane per tutti


Uno sguardo alle città italiane e europee dove un popolo di amici dei poveri si raccoglie per ricordare uomini e donne, poveri ma non "invisibili"
IT | ES | DE | PT
17 Febbraio 2015
BARCELLONA, SPAGNA

Sant’Egidio ricorda Rafael, Antonio e tutte le persone senza fissa dimora che hanno perso la vita a Barcellona

IT | ES
17 Febbraio 2015
NAPOLI, ITALIA

A Napoli una liturgia per ricordare quanti sono morti per la povertà ed il freddo

15 Febbraio 2015
MILANO, ITALIA

Più di cento nomi di poveri morti a Milano per la vita di strada nel ricordo di Sant'Egidio

14 Febbraio 2015
AVERSA, ITALIA

Ad Aversa una liturgia ricorda i nomi e le storie dei senza dimora morti per gli stenti e nella povertà

9 Febbraio 2015
ROMA, ITALIA

"La gente non sa il vostro nome, vi chiama i senza tetto... vi sono vicino". L'abbraccio del papa ai poveri senza dimora a Pietralata


Nella visita a una parrocchia della periferia romana, papa Francesco incontra un gruppo di amici della Comunità di Sant'Egidio che non hanno casa. Le sue parole
IT | EN | ES | FR | PT
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
3 Marzo 2015
3 Marzo 2015
26 Febbraio 2015
23 Febbraio 2015
Il Gazzettino - ed. Padova
Invisibili a Padova. 300 i "senzatetto"
23 Febbraio 2015
tutta la rassegna stampa correlata

VIDEO FOTO
8:23
Il ricordo di Modesta Valenti, donna senza dimora

1114 visite

1189 visite

1205 visite

1274 visite

708 visite
tutta i media correlati