Le attività di solidarietà della Comunità di Sant'Egidio sono realizzate grazie al lavoro di volontari

Aiutaci ad aiutare 

il tuo contributo può fare la differenza per tanti

      


Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - amicizia...i poveri - homeless...a strada - scuola d...italiana contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

 

Scuola di lingua e cultura italiana


 
versione stampabile

SCUOLA DI LINGUA ITALIANA  DELLA COMUNITÀ DI SANT’EGIDIO

La scuola di italiano inizia nel 1982, con poco più di dieci donne straniere, capoverdiane e latinoamericane, in Italia per lavoro, tutte con il bisogno di imparare la lingua italiana per capire e farsi capire. Da allora sono trascorsi più di venticinque anni, durante i quali nella scuola d’italiano solo a Roma hanno studiato quasi trentacinquemila stranieri, oltre i circa diecimila che hanno frequentato la scuola in altre città in Italia, Milano, Novara, Genova, Firenze, Livorno, Napoli. La scuola di lingua della Comunità di Sant’Egidio è inoltre presente in alcuni paesi europei, Germania e Belgio.

 

 



Con il cambiare della presenza degli stranieri in Italia è cambiata anche la scuola: provenienti da oltre 120 paesi, negli ultimi tempi sono non meno di 1500 gli stranieri che ogni anno si iscrivono alla scuola per la prima volta oltre a circa 800 che, immatricolati negli anni precedenti, continuano a studiare iscrivendosi ogni anno ai livelli successivi. Si tratta di una presenza in crescita, che testimonia il desiderio di molti immigrati di un inserimento sociale maturo e consapevole, in cui la conoscenza della lingua diviene uno strumento essenziale per comprendere il paese di inserimento, ma anche per esprimere e comunicare la storia personale che ha condotto ognuno all’emigrazione. 

Cresce dunque il bisogno di conoscere la lingua e la cultura italiana assieme alla crescita dell’aspettativa di un inserimento stabile e cambia anche l’interesse e la qualità della domanda rivolta alla scuola. Nei primi anni per centinaia di stranieri è stato indispensabile apprendere bene, e velocemente, l' “italiano della vita quotidiana”, quella lingua con cui capire e comunicare l’essenziale, per vincere il disorientamento iniziale, per superare l’isolamento.  

Ma è anche cresciuta negli anni una domanda diversa, espressa da immigrati che vivono in Italia da non meno di quattro o cinque anni, provenienti in larga misura da paesi dell’Europa dell’Est e dall’America Latina, in misura molto più ridotta anche dall’Africa e dall’Asia. Sono soprattutto donne, impiegate nei lavori domestici e di assistenza alle persone, molte di queste con un buon livello di scolarizzazione, diverse laureate, e con alcuni anni di esperienza lavorativa nel proprio paese, emigrate inizialmente da sole, che inviano a casa gran parte dei soldi che guadagnano per mantenere l’intera famiglia rimasta in patria. Per loro la scuola di lingua diviene il luogo della conoscenza della storia e della cultura italiana ed europea ed al tempo stesso la condizione in cui si sperimenta la possibilità, e le opportunità, dell’incontro e della convivenza tra persone diverse per lingua, cultura, religione. Un luogo in cui, da adulti, si approfondisce anche la storia e la memoria dell’Italia e dell’Europa.

Per gli europei, per molti immigrati provenienti dall’Ucraina, dalla Romania o dalla Polonia, la frequenza ai corsi ha costituito l’occasione per approfondire una storia non sempre conosciuta a fondo, a volte confusa nel ricordo più generale del conflitto mondiale, altre volte rimossa dalla memoria come un evento troppo doloroso. Ad esempio, un importante momento di formazione è stato per tutti la memoria della Shoah, che ha anche rappresentato l’occasione per riflettere sui pericoli del presente, sul rischio dell’insorgenza dell’antisemitismo e del razzismo, accompagnata dalla partecipazione a momenti di memoria comune, come la manifestazione in occasione della ricorrenza  della deportazione del 16 ottobre 1943  - che si svolge ogni anno ed è divenuta memoria cittadina e nazionale.


NEWS CORRELATE
10 Agosto 2015
CATANIA, ITALIA

Respingere è un atto di guerra, #3GiorniSenzaFrontiere un atto di Pace

IT | FR
23 Luglio 2015
PADOVA, ITALIA
Conferenza Stampa

La solidarietà è più larga della protesta: il vero volto del Veneto davanti ai rifugiati

IT | FR
17 Luglio 2015

Il nuovo vescovo ausiliare del settore Sud di Roma visita la Comunità di Sant'Egidio di Ostia


Preghiera e amicizia con i poveri nell'incontro con mons. Paolo Lojudice
IT | FR
11 Luglio 2015
MILANO, ITALIA

Quando il Ramadan è occasione di dialogo: le comunità musulmane di Milano celebrano l'Iftar con Sant'Egidio

IT | ES
6 Luglio 2015
CATANIA, ITALIA

Il Ministro della Difesa tedesco ai nuovi europei di Sant'Egidio a Catania: "il vostro modello è più efficace perché umano"


Ursula von der Leyen in visita nella città siciliana incontra i ragazzi migranti dei Giovani per la Pace
IT | ES | DE | FR
26 Giugno 2015
Comunicato Stampa

Vertice di Bruxelles sui migranti condizionato da egoismi e paure ingiustificate. Si rispettino i trattati europei


L'Europa è nata su ideali di difesa dei diritti e di accoglienza, sanciti da diversi trattati internazionali. Sant'Egidio chiede che si punti sull'integrazione
IT | ES | FR
tutte le news correlate

RASSEGNA STAMPA CORRELATA
19 Agosto 2015
La Stampa
Migranti, Riccardi: «Non è un’invasione, integrarli ci aiuterà»
15 Agosto 2015
Il Quotidiano del Molise
Gli immigrati sono una risorsa
24 Luglio 2015
Novaraoggi
L'integrazione? Passa anche dalla lingua
24 Luglio 2015
La Difesa del Popolo
«Vivere insieme è possibile. Ed è il futuro»
26 Giugno 2015
Avvenire - Ed. Milano
Rom, le storie dell'integrazione
tutta la rassegna stampa correlata

FOTO

834 visite

815 visite

817 visite

891 visite

838 visite
tutta i media correlati