Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro di Neemia 8,1-12

Allora tutto il popolo si radunò come un solo uomo sulla piazza davanti alla porta delle Acque e disse ad Esdra lo scriba di portare il libro della legge di Mosè che il Signore aveva dato a Israele. Il primo giorno del settimo mese, il sacerdote Esdra portò la legge davanti all'assemblea degli uomini, delle donne e di quanti erano capaci di intendere.

Lesse il libro sulla piazza davanti alla porta delle Acque, dallo spuntar della luce fino a mezzogiorno, in presenza degli uomini, delle donne e di quelli che erano capaci di intendere; tutto il popolo porgeva l'orecchio a sentire il libro della legge. Esdra lo scriba stava sopra una tribuna di legno, che avevano costruito per l'occorrenza e accanto a lui stavano, a destra Mattitia, Sema, Anaia, Uria, Chelkia e Maaseia; a sinistra Pedaia, Misael, Malchia, Casum, Casbaddàna, Zaccaria e Mesullàm.

Esdra aprì il libro in presenza di tutto il popolo, poiché stava più in alto di tutto il popolo; come ebbe aperto il libro, tutto il popolo si alzò in piedi. Esdra benedisse il Signore Dio grande e tutto il popolo rispose: "Amen, amen", alzando le mani; si inginocchiarono e si prostrarono con la faccia a terra dinanzi al Signore. Giosuè, Bani, Serebia, Iamin, Akkub, Sabbetài, Odia, Maaseia, Kelita, Azaria, Iozabàd, Canàn, Pelaia, leviti, spiegavano la legge al popolo e il popolo stava in piedi al suo posto.

Essi leggevano nel libro della legge di Dio a brani distinti e con spiegazioni del senso e così facevano comprendere la lettura. Neemia, che era il governatore, Esdra sacerdote e scriba e i leviti che ammaestravano il popolo dissero a tutto il popolo: "Questo giorno è consacrato al Signore vostro Dio; non fate lutto e non piangete!". Perché tutto il popolo piangeva, mentre ascoltava le parole della legge. Poi Neemia disse loro: "Andate, mangiate carni grasse e bevete vini dolci e mandate porzioni a quelli che nulla hanno di preparato, perché questo giorno è consacrato al Signore nostro; non vi rattristate, perché la gioia del Signore è la vostra forza". I leviti calmavano tutto il popolo dicendo: "Tacete, perché questo giorno è santo; non vi rattristate!". Tutto il popolo andò a mangiare, a bere, a mandare porzioni ai poveri e a far festa, perché avevano compreso le parole che erano state loro proclamate.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il capitolo inizia descrivendo il grande momento di unità del popolo che si trova a Gerusalemme: "Il popolo si radunò come un sol uomo sulla piazza". La lettura del "libro della Legge di Mosè" crea questa unità: "Tutto il popolo tendeva l’orecchio al libro della Legge". Possiamo supporre che ci si riferisca al Pentateuco, che diventa nel periodo dopo l’esilio sempre più il cuore della vita di fede di Israele assieme al culto nel tempio di Gerusalemme. In verità, quando si nomina la parola "Legge", in ebraico Torah, oltre ad indicare il Pentateuco si vuole significare anche il più generale insegnamento di Dio, quindi il termine ha l’accezione più ampia di un insieme di norme e di regole da osservare. La lettura della Legge viene fatta su un luogo elevato, una tribuna, come nella sinagoga o come per il pulpito nelle chiese, perché la Parola di Dio possa essere ascoltata da tutti, ma anche affinché il libro sia visto. È bello vedere quanto avviene a chi ascolta la lettura del libro: innanzitutto tutto il popolo si alza in piedi appena viene aperto il libro, poi si inginocchia e si prostra in segno di venerazione e di devozione per il libro della Parola di Dio. Questa pagina ci esorta a sviluppare una vera e propria devozione per il libro della Parola di Dio per leggerlo e ascoltarlo in un clima di ascolto e di preghiera. L’autore nota che l’assemblea riunita leggeva ed ascoltava la lettura del testo e la spiegazione che veniva fatta. Fin da allora appare chiaro che per comprendere il libro della Parola di Dio non è sufficiente la lettura individuale. La Parola va letta sempre all’interno del popolo, all’interno della Chiesa, e ascoltarne assieme la spiegazione. E la conseguenza di questo ascolto comune nella preghiera è la commozione del cuore che giunge, come in questo caso, sino al pianto. Esdra però esorta a non fare lutto e a non piangere, ma al contrario a gioire: "Andate, mangiate carni grasse e bevete vini dolci e mandate porzioni a quelli che nulla hanno di preparato, perché questo giorno è consacrato al Signore nostro; non vi rattristate, perché la gioia del Signore è la vostra forza". La Parola di Dio, se ascoltata con il cuore, sazia la propria fame e sete ("non di solo pane vive l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio"), offre la possibilità di essere solidali con chi non ha, elimina quella tristezza così tipica di chi si abitua ad ascoltare solo se stesso, rende ad ognuno la gioia della presenza di Dio, che è forza di vita.


09/01/2010
Preghiera del tempo di Natale


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri