Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro dell'Ecclesiaste 2,18-26

Ho preso in odio ogni lavoro da me fatto sotto il sole, perché dovrò lasciarlo al mio successore. E chi sa se questi sarà saggio o stolto? Eppure potrà disporre di tutto il mio lavoro, in cui ho speso fatiche e intelligenza sotto il sole. Anche questo è vanità! Sono giunto al punto di disperare in cuor mio per tutta la fatica che avevo durato sotto il sole, perché chi ha lavorato con sapienza, con scienza e con successo dovrà poi lasciare i suoi beni a un altro che non vi ha per nulla faticato. Anche questo è vanità e grande sventura.

Allora quale profitto c'è per l'uomo in tutta la sua fatica e in tutto l'affanno del suo cuore con cui si affatica sotto il sole? Tutti i suoi giorni non sono che dolori e preoccupazioni penose; il suo cuore non riposa neppure di notte. Anche questo è vanità! Non c'è di meglio per l'uomo che mangiare e bere e godersela nelle sue fatiche; ma mi sono accorto che anche questo viene dalle mani di Dio. Difatti, chi può mangiare e godere senza di lui? Egli concede a chi gli è gradito sapienza, scienza e gioia, mentre al peccatore dà la pena di raccogliere e d'ammassare per colui che è gradito a Dio. Ma anche questo è vanità e un inseguire il vento!

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Tutta la "fatica" o "lavoro" (v. 18) fatto da Salomone gli hanno procurato beni immensi, tesori preziosi, opere grandiose. Ma a chi andrà in eredità tutto questo patrimonio accumulato a prezzo di tante fatiche? Lo pseudo-Salomone ripercorre le tappe della sua carriera, ripetendo con insistenza le sue imprese e realizzazioni e ricordando che in esse ha impegnato il suo "sapere" (v. 11) e intelligenza. E si lascia prendere dal disgusto (v. 18) e dalla disperazione (v. 20) all’idea che dovrà lasciare tutto ad un "altro", che gli succederà.
È in verità una costante della vita di ogni uomo che vive in questo mondo chiuso "sotto il sole". Uno lavora con fatica, con competenza scientifica e tecnica (v. 21), per accumulare ricchezza, ma poi è costretto a "dare" a un altro i suoi beni, senza che questi vi abbia faticato. "Nessuno sa" se colui che succederà sarà saggio o stolto. Risulta chiaro che il lavoro, la fatica, il sapere e l’abilità tecnica non riescono a preservare né dalla morte né dalla possibilità di perdere tutto. Una "grande sventura" (v. 21) minaccia l’uomo, il quale non conosce la via per fabbricare la felicità. La vita dell’uomo è tribolata, piena di fatica e di affanno del cuore (v. 22), i suoi giorni e le sue notti sono attraversati da dolori, preoccupazioni e incubi (v. 23), non c’è riposo dall’angoscia e dall’inconcludente agitarsi. L’autore si domanda se sia possibile per l’uomo raggiungere la felicità. Fare, costruire, piantare, godere, possedere, mantenendo sempre l’animo distaccato da ogni cosa per custodire la "sapienza" o il "sapere": tutto ciò non dà la felicità. La reiterata successione di hebel (2,1.11.15.17.19.21.23) è come un leit-motive che accompagna l’intera esistenza. La finale del racconto è drammatica: il finto re diventa come un povero schiavo indebitato, che si tormenta giorno e notte, come un debitore insolvente oppresso da dolori. Ma c’è una convinzione: la gioia non viene dall’uomo, ma da Dio. Il "bene" dell’uomo viene dalle mani di Dio (v. 24), non dai nostri sforzi. Ed è un "bene" che accoglie soltanto chi è "gradito" a Dio, ossia chi lo accetta come dono con riconoscenza. Questi riceve da Dio in dono la sapienza, il sapere e la gioia (v. 26); egli riesce perfino a godere nelle sue fatiche, che diventano sorgente di felicità. Al peccatore (o, forse meglio, al "fallito") viene data la pena amara di raccogliere e di ammassare per colui che è gradito a Dio. Non si parla in verità di "buoni" e "cattivi", ma di "graditi a Dio" e di "falliti". Non c’è un ordine morale, né una legge di causalità. Tutto resta una sorta di indecifrabile enigma, ossia "vanità" (hebel). L’uomo, anche quando vive con il massimo di opportunità e perciò nella condizione ottimale di realizzarsi come nel caso di Salomone, sperimenta la radicale finitudine che si può riassumere nella certezza che "non esisterò per sempre". L’uomo non è autosufficiente. La sua saldezza sta fuori di lui. Qoèlet ci mette sull’uscio di Dio.


24/02/2010
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica