Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro dell'Ecclesiaste 8,1-9

Chi è come il saggio?
Chi conosce la spiegazione delle cose?
La sapienza dell'uomo ne rischiara il volto,
ne cambia la durezza del viso.

Osserva gli ordini del re e, a causa del giuramento fatto a Dio, non allontanarti in fretta da lui e non persistere nel male; perché egli può fare ciò che vuole. Infatti, la parola del re è sovrana; chi può dirgli: "Che fai?". Chi osserva il comando non prova alcun male; la mente del saggio conosce il tempo e il giudizio.

Infatti, per ogni cosa vi è tempo e giudizio e il male dell'uomo ricade gravemente su chi lo fa. Questi ignora che cosa accadrà; chi mai può indicargli come avverrà? Nessun uomo è padrone del suo soffio vitale tanto da trattenerlo, né alcuno ha potere sul giorno della sua morte, né c'è scampo dalla lotta; l'iniquità non salva colui che la compie.

Tutto questo ho visto riflettendo su ogni azione che si compie sotto il sole, quando l'uomo domina sull'altro uomo, a proprio danno.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Qoèlet ha già avvertito (cf. 3,1-9) che c’è un "tempo" per ogni cosa. Sapiente è chi conosce "la spiegazione delle cose"
(v. 1), ossia che sa interpretare correttamente la realtà. L’ideale della sapienza non è perciò il sapere astratto, ma la capacità di un giudizio storico del proprio tempo. Ma chi ha questa sapienza? Qoèlet, che non è mai categorico, risponde che "nessuno sa". Lascia quindi qualche possibilità. Ma chi è capace di tale sapienza, avrà un aspetto luminoso; il suo viso perde la durezza e la sfrontatezza del superficiale ed ha un aspetto tollerante e benevolo verso la realtà. Insomma, la sapienza comporta eleganza spirituale e assenza di durezza. Qoèlet sceglie quindi un’esemplificazione: come comportarsi di fronte al re. Poiché il re ha il potere di "fare ciò che vuole" (v. 3b) è prudente non "allontanarsi in fretta da lui"
(v. 3), ossia essergli sleale. È necessario ponderare bene quando essergli fedeli o quando disattendere i suoi ordini. Non tutte le situazioni sono uguali. La sapienza fa valutare i tempi opportuni. Questo atteggiamento verso i comandi del re deve essere ugualmente osservato nei confronti del "male". Sulla vita umana incombe di continuo il male, ed è un peso che non è facile scrollarsi di dosso. È necessario discernere con sapienza i modi per evitare di esserne schiacciati. L’ignoranza del futuro (v. 7), o meglio "l’ignoranza delle conseguenze future" della propria condotta, non permette all’uomo di scegliere facilmente il modo e il tempo per evitare il male. È necessaria molta vigilanza. Qoèlet avverte: "Nessun uomo è padrone del vento tanto da trattenerlo, né alcuno è padrone del giorno della morte. Non c’è nessun congedo in guerra, e la malvagità non può salvare colui che la compie" (v. 8). L’esistenza umana è paragonabile a una guerra da cui non ci si può esimere: siamo sempre in una situazione di lotta. E non possiamo permetterci di fare il male pensando che ricada solo sugli altri. Nessuno può sfuggire alla battaglia della vita e anche la sapienza ha i suoi limiti invalicabili. Qoèlet non consiglia di abbandonare la ricerca della sapienza, né si rassegna a uno scetticismo nichilista; è però consapevole dei confini che la realtà dell’esistenza impone ad ogni uomo. Andando oltre Qoèlet, ma sempre nel solco della fede, ancora una volta il credente trova la sua roccia e la sua difesa solo nel Signore.


12/03/2010
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica