Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro dell'Ecclesiaste 9,13-18

Anche questo fatto ho visto sotto il sole e mi parve assai grave: c'era una piccola città con pochi abitanti. Un gran re si mosse contro di essa, l'assediò e vi costruì contro grandi bastioni. Si trovava però in essa un uomo povero ma saggio, il quale con la sua sapienza salvò la città; eppure nessuno si ricordò di quest'uomo povero. E io dico:

E' meglio la sapienza della forza,
ma la sapienza del povero è disprezzata
e le sue parole non sono ascoltate.
Le parole calme dei saggi si ascoltano
più delle grida di chi domina fra i pazzi.
Meglio la sapienza che le armi da guerra,
ma uno sbaglio solo annienta un gran bene.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Con una piccola parabola Qoèlet mostra la "forza debole" della sapienza (vv. 13-16). La piccola città, assediata dal "gran re", viene salvata dalla sapienza di un pover’uomo che però era saggio. Il chiaro insegnamento di Qoèlet è che la sapienza ha un potere superiore a quello della politica e delle armi. È un potere "debole", nel senso appunto che non è legato ai mezzi di questo mondo. Ed in effetti è spesso disprezzata dagli uomini: "La sapienza del povero è disprezzata e le sue parole non sono ascoltate" (v. 16). In verità è più "forte" dei mezzi di questo mondo. È un insegnamento che traversa molte pagine della Scrittura. Nei Proverbi, ad esempio, si legge: "il saggio assale una città di guerrieri e abbatte la fortezza in cui essa confidava" (21,22). Ma gli uomini non riescono comunque a comprendere la forza debole della sapienza. Nota Qoèlet che: "nessuno si ricordò di quest’uomo povero" (v. 15). Nessuno mostrò gratitudine per questa azione straordinaria. Nonostante l’incapacità di apprezzare adeguatamente chi è saggio, Qoèlet riafferma: "È meglio la sapienza della forza" (v. 16). A commento di questa parabola segue un proverbio che può suonare in questo modo: "Le parole dei saggi, dette nella calma, sono più degne di essere ascoltate che non le grida del re dei folli". Spesso si ascolta chi grida più forte e non chi parla nel modo più saggio. Con un altro proverbio, l’autore vuole mostrare la facilità con cui possiamo vanificare la sapienza. La sapienza è forte in se stessa. È più potente delle armi da guerra, nota Qoèlet. Ma noi possiamo vanificarla con la nostra stoltezza e la nostra superficialità.


16/03/2010
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica