Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 3,16-21

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna. Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui. Chi crede in lui non è condannato; ma chi non crede è gia stato condannato, perché non ha creduto nel nome dell'unigenito Figlio di Dio. E il giudizio è questo: la luce è venuta nel mondo, ma gli uomini hanno preferito le tenebre alla luce, perché le loro opere erano malvagie. Chiunque infatti fa il male, odia la luce e non viene alla luce perché non siano svelate le sue opere. Ma chi opera la verità viene alla luce, perché appaia chiaramente che le sue opere sono state fatte in Dio.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

"Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna". In questa frase l’evangelista Giovanni ci offre una sintesi del suo Vangelo. Mai Dio è stato così vicino agli uomini come quando si è fatto uguale a noi in Gesù di Nazareth. Quale prova potrebbe essere più grande della sua amicizia per noi e della grande considerazione per il nostro destino, molto più grande di quella che noi stessi dimostriamo per noi e per gli altri? C’è una forma di falso amore per sé che in realtà è solo autoconservazione ed egoismo, ossia l’esatto contrario del modo di essere del Figlio che ha considerato la propria vita un valore solo se spesa per gli altri e non conservata per sé. È questa la vita eterna di cui Gesù parla a Nicodemo, è questo l’amore, smisurato e gratuito che dalla sua crocefissione e resurrezione viene donato agli uomini e che getta una luce tutta nuova sulla terra. Alla luce della passione di Gesù per gli uomini – una passione vissuta fino in fondo - si rivelano gli angoli bui, le durezze di cuore, e si manifesta il giudizio angusto che spesso immiserisce la nostra esistenza, rendendoci incapaci di portare i frutti buoni dell’amore e della misericordia. Il Figlio infatti non viene a condannare il mondo; non è infatti dalla umiliazione del mondo che Gesù trae la sua soddisfazione. Al contrario, quando il mondo si lascia illuminare dalla luce del Vangelo anche le miserie della vita vengono accolte dal Signore e trasfigurate. Divenuti più consapevoli del bisogno che abbiamo di salvezza e non più accecati dal buio dell’egoismo, cerchiamo in Gesù la via della vita vera, seguiamolo nel cammino che dal Golgota lo ha portato allo splendore della resurrezione. Questo infatti significa "operare la verità": si tratta di vivere concretamente quell’amore senza confini che Dio ha seminato nel cuore di ogni uomo. Il Signore Gesù è venuto per accoglierci nel suo stesso dinamismo di amore che ci permette di chiamarci sin da ora, nonostante le nostre debolezze e le nostre miserie, "figli della resurrezione".


14/04/2010
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri