Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 17,1-11

Così parlò Gesù. Quindi, alzati gli occhi al cielo, disse: "Padre, è giunta l'ora, glorifica il Figlio tuo, perché il Figlio glorifichi te. Poiché tu gli hai dato potere sopra ogni essere umano, perché egli dia la vita eterna a tutti coloro che gli hai dato. Questa è la vita eterna: che conoscano te, l'unico vero Dio, e colui che hai mandato, Gesù Cristo. Io ti ho glorificato sopra la terra, compiendo l'opera che mi hai dato da fare. E ora, Padre, glorificami davanti a te, con quella gloria che avevo presso di te prima che il mondo fosse.

Ho fatto conoscere il tuo nome agli uomini che mi hai dato dal mondo. Erano tuoi e li hai dati a me ed essi hanno osservato la tua parola. Ora essi sanno che tutte le cose che mi hai dato vengono da te, perché le parole che hai dato a me io le ho date a loro; essi le hanno accolte e sanno veramente che sono uscito da te e hanno creduto che tu mi hai mandato. Io prego per loro; non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi. Tutte le cose mie sono tue e tutte le cose tue sono mie, e io sono glorificato in loro. Io non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola, come noi.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Vangelo ci riporta al cenacolo. Prima di uscire per recarsi al Getsèmani, Gesù pronuncia una lunga preghiera che sembra concludere il "testamento spirituale" che stava consegnando ai discepoli in quella cena pasquale. Gesù rivolge gli occhi in alto verso il Padre del cielo. Sino ad ora aveva parlato a quel piccolo gruppo di uomini che si era radunato attorno a sé. È giunto il momento di rivolgersi direttamente al Padre che sta nei cieli. E inizia con quell’appellativo unico per lui: "Padre". Altre due volte aveva usato questo appellativo; prima della resurrezione di Lazzaro e al momento della presentazione dei due greci. Per lui è giunta l’"ora", il momento per cui era venuto sulla terra. E chiede al "Padre" di "glorificarlo", ossia di portare a compimento ciò per cui lo aveva inviato tra gli uomini. E poi gli presenta quei discepoli che ha scelto, amato e curato, facendoli diventare amici ed eredi dello stesso amore che c’è tra Lui e il Padre. E chiede chi li protegga. Gesù sa che il Padre lo ascolta e prega anzitutto per quegli amici. È un invito anche a noi perché alziamo gli occhi da noi stessi, e dirigiamo la voce, il cuore e i pensieri verso il Padre. La preghiera è la risorsa dei deboli e di chi non ha forza, è il grido dei poveri e l’unica speranza dei vinti. Gesù, che tra poco apparirà come vinto dal male, sa che il Padre lo salverà.


18/05/2010
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri