Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal secondo libro dei Re 2,1-18

Poi, volendo Dio rapire in cielo in un turbine Elia, questi partì da Gàlgala con Eliseo. Elia disse a Eliseo: "Rimani qui, perché il Signore mi manda fino a Betel". Eliseo rispose: "Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò". Scesero fino a Betel. I figli dei profeti che erano a Betel andarono incontro a Eliseo e gli dissero: "Non sai tu che oggi il Signore ti toglierà il tuo padrone?". Ed egli rispose: "Lo so anch'io, ma non lo dite". Elia gli disse: "Eliseo, rimani qui, perché il Signore mi manda a Gerico". Quegli rispose: "Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò". Andarono a Gerico. I figli dei profeti che erano in Gerico si avvicinarono a Eliseo e gli dissero: "Non sai tu che oggi il Signore ti toglierà il tuo padrone?". Rispose: "Lo so anch'io, ma non lo dite". Elia gli disse: "Rimani qui, perché il Signore mi manda al Giordano". Quegli rispose: "Per la vita del Signore e per la tua stessa vita, non ti lascerò". E tutti e due si incamminarono.

Cinquanta uomini, tra i figli dei profeti, li seguirono e si fermarono a distanza; loro due si fermarono sul Giordano. Elia prese il mantello, l'avvolse e percosse con esso le acque, che si divisero di qua e di là; i due passarono sull'asciutto. Mentre passavano, Elia disse a Eliseo: "Domanda che cosa io debba fare per te prima che sia rapito lontano da te". Eliseo rispose: "Due terzi del tuo spirito diventino miei". Quegli soggiunse: "Sei stato esigente nel domandare. Tuttavia, se mi vedrai quando sarò rapito lontano da te, ciò ti sarà concesso; in caso contrario non ti sarà concesso". Mentre camminavano conversando, ecco un carro di fuoco e cavalli di fuoco si interposero fra loro due. Elia salì nel turbine verso il cielo. Eliseo guardava e gridava: "Padre mio, padre mio, cocchio d'Israele e suo cocchiere". E non lo vide più. Allora afferrò le proprie vesti e le lacerò in due pezzi. Quindi raccolse il mantello, che era caduto a Elia, e tornò indietro, fermandosi sulla riva del Giordano.

Prese il mantello, che era caduto a Elia, e colpì con esso le acque, dicendo: "Dove è il Signore, Dio di Elia?". Quando ebbe percosso le acque, queste si separarono di qua e di là; così Eliseo passò dall'altra parte. Vistolo da una certa distanza, i figli dei profeti di Gerico dissero: "Lo spirito di Elia si è posato su Eliseo". Gli andarono incontro e si prostrarono a terra davanti a lui. Gli dissero: "Ecco, fra i tuoi servi ci sono cinquanta uomini di valore; vadano a cercare il tuo padrone nel caso che lo spirito del Signore l'avesse preso e gettato su qualche monte o in qualche valle". Egli disse: "Non mandateli!". Ma essi insistettero tanto che egli confuso disse: "Mandateli!". Mandarono cinquanta uomini che cercarono per tre giorni, ma non lo trovarono. Tornarono da Eliseo, che stava in Gerico. Egli disse loro: "Non vi avevo forse detto: Non andate?".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Con questa pagina si apre il "ciclo" di Eliseo di cui si parla già nel primo libro dei Re quando Elia gettandogli sulle spalle il mantello lo chiama a seguirlo (1 Re 19,19). Elia ora sta traversando il Giordano come per dirigersi verso la sua "terra promessa", il cielo. Mentre i due camminavano ecco che un carro di fuoco guidato da cavalli, anch’essi di fuoco, si interpone tra loro. Il Siracide, come a voler sottolineare la forza della parola profetica, dirà: "Allora sorse Elia profeta, come un fuoco; la sua parola bruciava come fiaccola" (48,1). Elia viene quindi rapito nel cielo ed Eliseo, mentre grida verso il suo maestro, lo vede scomparire nel cielo. La scomparsa di Elia, descritta con immagini tipiche della teofania, indica l’esperienza religiosa della morte di Elia e il passaggio ad Eliseo del ministero profetico. Costui, ricevendo il mantello del maestro, ne diviene ufficialmente il continuatore. Scrive l’autore: "Quindi raccolse il mantello, che era caduto ad Elia, e tornò indietro, fermandosi sulla riva del Giordano". Il discepolo deve tornare al Giordano per abbeverarsi nuovamente alla fonte della Parola per trasmetterla al popolo del Signore. Eliseo, infatti, come ogni profeta, anzi come ogni discepolo, non è chiamato a proporre sue dottrine o suoi pensieri, ma a continuare la missione del maestro. Eliseo aveva chiesto ad Elia: "due parti del tuo spirito siano in me" (così la traduzione letterale, che significa "il doppio"; altri traducono "due terzi"). La tradizione rabbinica commenta infatti che Elia fece otto miracoli mentre Eliseo sedici. Il discepolo accoglie l’eredità che Elia gli trasmette con il mantello e la sua opera diviene efficace. Quel mantello arrotolato ha la forza di dividere le acque del Giordano perché il profeta possa attraversarlo. È evidente l’analogia col bastone di Mosè che divise il Mar Rosso (Es 14,16) e conferma anche il parallelismo che viene posto tra Mosè ed Elia. Anche Elia, infatti aveva incontrato il Signore sull’Oreb, come Mosè, e muore al di fuori della terra promessa, in Transgiordania. E anche di Elia non si conosce il sepolcro, come conferma la ricerca dei cinquanta valorosi (vv. 15-18). L’allusione al passaggio del Mar Rosso e del Giordano è evidente anche dai nomi delle località citate comuni al primo passaggio del Giordano (Gilgal, Gerico, Betel). Il parallelismo tra Mosè ed Elia si stabilisce anche tra Elia ed Eliseo. E l’analogia delle situazioni che Eliseo è chiamato ad affrontare (la distruzione della dinastia di Acab, la guerra contro Baal, la minaccia aramea, il contrasto tra un Israele fedele e uno infedele) mostrano la continuità della missione profetica di fronte alla permanenza del peccato e della infedeltà del popolo di Dio. Ogni generazione ha bisogno che la Parola di Dio sia annunciata. Lo "spirito del Signore" (v. 16) che gli ebrei avevano dimenticato, ricompare con i profeti che si scagliano contro la monarchia (1 Re 22,24 ss.). La continuità della profezia sottolinea la fedeltà di Dio che non cessa di accompagnare e di parlare al suo popolo perché non si allontani dalla via della salvezza. Il profeta, da parte sua, è chiamato a vivere solo della Parola che deve annunciare con coraggio e generosità. Essa è sempre la stessa anche se proclamata in maniera nuova. Potremmo dire che anche noi dobbiamo accogliere il "mantello" di Elia, ossia lo spirito della profezia, per viverlo nei nostri giorni. Si succedono i profeti ma lo "spirito" è sempre unico. E la presenza dei "figli dei profeti" sottolinea la comunità dei fratelli e delle sorelle che accompagna la missione profetica.


21/06/2010
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri