Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro di Ester 4,5-17

Allora Ester chiamò Atàch, uno degli eunuchi che il re aveva messo al suo servizio, e lo incaricò di andare da Mardocheo per domandare che cosa era avvenuto e perché si comportava così. Atàch si recò da Mardocheo sulla piazza della città davanti alla porta del re. Mardocheo gli narrò quanto gli era accaduto e gli indicò la somma di denaro che Amàn aveva promesso di versare al tesoro reale per far distruggere i Giudei; gli diede anche una copia dell'editto promulgato a Susa per il loro sterminio, perché lo mostrasse a Ester, la informasse di tutto e le ordinasse di presentarsi al re per domandargli grazia e per intercedere in favore del suo popolo. "Ricordati - le fece dire - dei giorni della tua povertà, quando eri nutrita dalla mia mano; perché Amàn, il secondo in dignità dopo il re, ha parlato contro di noi per farci mettere a morte. Invoca il Signore, parla al re in nostro favore e liberaci dalla morte!". Atàch ritornò da Ester e le riferì le parole di Mardocheo. Ester ordinò ad Atàch di riferire a Mardocheo: "Tutti i ministri del re e il popolo delle sue province sanno che se qualcuno, uomo o donna, entra dal re nell'atrio interno, senza essere stato chiamato, in forza di una legge uguale per tutti, deve essere messo a morte, a meno che il re non stenda verso di lui il suo scettro d'oro, nel qual caso avrà salva la vita. Quanto a me, sono gia trenta giorni che non sono stata chiamata per andare dal re". Le parole di Ester furono riferite a Mardocheo e Mardocheo fece dare questa risposta a Ester: "Non pensare di salvare solo te stessa fra tutti i Giudei, per il fatto che ti trovi nella reggia. Perché se tu in questo momento taci, aiuto e liberazione sorgeranno per i Giudei da un altro luogo; ma tu perirai insieme con la casa di tuo padre. Chi sa che tu non sia stata elevata a regina proprio in previsione d'una circostanza come questa?". Allora Ester fece rispondere a Mardocheo: "Và, raduna tutti i Giudei che si trovano a Susa: digiunate per me, state senza mangiare e senza bere per tre giorni, notte e giorno; anch'io con le ancelle digiunerò nello stesso modo; dopo entrerò dal re, sebbene ciò sia contro la legge e, se dovrò perire, perirò!". Mardocheo se ne andò e fece quanto Ester gli aveva ordinato.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Aman – come aveva deciso dopo lo sgarbo di Mardocheo nei suoi confronti - porta avanti il suo disegno di distruzione del popolo ebreo. Presenta al re il popolo di Israele come un pericolo per l’unità del regno e ottiene il decreto di distruggerlo. Aman, per decidere il giorno dello sterminio, si affida alle pratiche del sortilegio. E il sorteggio viene fissato nel mese della Pasqua, con tutto ciò che essa significa per gli ebrei. Si frappone però una buona distanza, quasi un anno, per attuarlo. Nel frattempo i capi, dopo aver decretato lo sterminio, vanno tranquilli a gozzovigliare, mentre il popolo è "costernato" (3,15). Quando il decreto viene conosciuto (nella sua formulazione greca è proprio un capolavoro di antiebraismo!), gli ebrei cadono nella desolazione e, piangendo, fanno digiuno e lutto e, primo fra tutti, Mardocheo. Ester è chiusa nell’harem e viene a sapere solo del lutto; manda quindi delle vesti perché Mardocheo possa uscire e informarla di cosa stava succedendo. Mardocheo però non le accetta e fa dire a Ester di presentarsi dal re per evitare la distruzione del suo popolo. Ester gli manda a dire che vige a palazzo una legge per la quale nessuno può presentarsi al re se non è chiamato, pena la morte, a meno che il re non stenda il suo scettro verso di lui; inoltre il re non la sta chiamando da un mese, per cui non ha l’occasione per fare quanto le è chiesto senza violare la legge. Mardocheo allora la richiama alla responsabilità verso l’intero popolo ebreo e le ricorda che non può pensare solo alla sua salvezza. La tentazione di salvare se stessi è antica quanto l’uomo, fa parte di quell’istinto che continua spesso a guidare la nostra vita. Ma la vicenda biblica inserisce nella storia degli uomini l’amore per il Signore e per il suo popolo come il culmine della legge. Mardocheo fa comprendere ad Ester che non può salvarsi da sola. Se continua a tacere la sua origine, perirà come tutti. In verità, la scelta di Ester da parte del re era guidata dal Signore ed ora si rivelava la sua vocazione: essere strumento di salvezza del suo popolo. Ester comprende la sua responsabilità "regale" e prende l’iniziativa di indire un digiuno di tre giorni con tutto il popolo ebreo e decide di recarsi dal re per difenderlo dalla distruzione.


20/09/2010
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica