Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Michele Arcangelo. La Chiesa etiopica, una delle prime dell’Africa, lo venera come protettore.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro dell'Apocalisse 1,1-3

Rivelazione di Gesù Cristo che Dio gli diede per render noto ai suoi servi le cose che devono presto accadere, e che egli manifestò inviando il suo angelo al suo servo Giovanni. Questi attesta la parola di Dio e la testimonianza di Gesù Cristo, riferendo ciò che ha visto. Beato chi legge e beati coloro che ascoltano le parole di questa profezia e mettono in pratica le cose che vi sono scritte. Perché il tempo è vicino.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

È l’ultimo libro del Nuovo Testamento e prende il nome dalla sua prima parola "apocalisse", che significa rivelazione, svelamento. In verità, l’intera Sacra Scrittura è una rivelazione, uno svelamento del mistero di amore di Dio. E se il Primo Testamento rivela il mistero dell’amore di Dio e del suo piano di salvezza, quest’ultimo libro del Nuovo Testamento rivela il mistero di Gesù che è venuto a salvare il mondo dal peccato e dalla morte mediante la sua morte e resurrezione. Il libro - come nota l’autore, che la tradizione vuole sia Giovanni - è anche una "profezia" (v. 3), ossia uno svelamento del senso della vita, di quel filo rosso dell’amore di Dio che traversa e lega il groviglio della vicenda umana fino al suo compimento nel cielo. Giovanni, al termine del testo, usa parole simili a quelle dell’inizio: "Il Signore, il Dio che ispira i profeti, ha mandato il suo angelo per mostrare ai suoi servi ciò che deve accadere rapidamente. Ecco, io verrò presto. Beato chi custodisce le parole profetiche di questo libro" (22,6-7). Gesù comunica a Giovanni quel che ha ricevuto dal Padre attraverso un angelo. In effetti, c’è sempre bisogno di un angelo per udire e comprendere il mistero di Dio. Già il profeta Amos diceva: "Il Signore non fa cosa alcuna senza averla prima rivelata ai suoi servi, i profeti" (3,7). La rivelazione infatti non è mai un processo chiuso in ciascuno di noi, non è una sorta di autorivelazione. Tutti siamo invitati a uscire da noi stessi e a metterci in ascolto di un altro. Il Signore invia sempre un angelo che ci parla e spiega il Vangelo. E chi a sua volta lo comunica, come Giovanni, diviene un "servo" di quella parola: non è mandato a comunicare se stesso, ma la Parola di Dio, la volontà di Dio, il pensiero di Dio e gli eventi imminenti, "che devono presto accadere" (v. 1). Per questo Giovanni può pronunciare la prima delle sette beatitudini che traversano questo libro: "beato chi legge e beati coloro che ascoltano le parole di questa profezia". È un invito personale ("beato chi legge") e assieme comune ("coloro che ascoltano") ad ascoltare colui che parla. La Parola di Dio va ascoltata personalmente perché si creino quei legami che permettono a degli estranei di diventare una comunità di credenti.


29/09/2010
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica