Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro dell'Apocalisse 5,6-14

Poi vidi ritto in mezzo al trono circondato dai quattro esseri viventi e dai vegliardi un Agnello, come immolato. Egli aveva sette corna e sette occhi, simbolo dei sette spiriti di Dio mandati su tutta la terra. E l'Agnello giunse e prese il libro dalla destra di Colui che era seduto sul trono. E quando l'ebbe preso, i quattro esseri viventi e i ventiquattro vegliardi si prostrarono davanti all'Agnello, avendo ciascuno un'arpa e coppe d'oro colme di profumi, che sono le preghiere dei santi. Cantavano un canto nuovo:

"Tu sei degno di prendere il libro
e di aprirne i sigilli,
perché sei stato immolato
e hai riscattato per Dio con il tuo sangue
uomini di ogni tribù, lingua, popolo e nazione
e li hai costituiti per il nostro Dio
un regno di sacerdoti
e regneranno sopra la terra".

Durante la visione poi intesi voci di molti angeli intorno al trono e agli esseri viventi e ai vegliardi. Il loro numero era miriadi di miriadi e migliaia di migliaia e dicevano a gran voce:

"L'Agnello che fu immolato
è degno di ricevere potenza e ricchezza,
sapienza e forza,
onore, gloria e benedizione".

Tutte le creature del cielo e della terra, sotto la terra e nel mare e tutte le cose ivi contenute, udii che dicevano:

"A Colui che siede sul trono e all'Agnello
lode, onore, gloria e potenza,
nei secoli dei secoli".

E i quattro esseri viventi dicevano: "Amen". E i vegliardi si prostrarono in adorazione.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Giovanni vede l’Agnello "ritto in mezzo al trono". Erano passati tanti anni da quando, sulle rive del Giordano, sentì il Battista presentare Gesù alla gente: "Ecco l’agnello di Dio!" (Gv 1,29). E Gesù continua ad essere, appunto, l’Agnello che prende su di sé il peccato del mondo. Per ben 29 volte nell’Apocalisse Gesù è presentato come "l’Agnello". Un autore medievale commenta: "Il Messia, leone per vincere, si è fatto agnello per soffrire". Gesù è "come immolato" per sempre, per questo ossia continua a portare sul suo corpo i segni delle ferite della croce: sono le ferite dell’amore per noi. E l’amore sempre ferisce ed è ferito. L’Agnello è dotato di sette corna, segno di onnipotenza, e di sette occhi, espressione dell’onniscienza provvidente, identificati dall’Apocalisse con i sette spiriti, cioè con la pienezza dei doni dello Spirito divino. L’Agnello immolato è l’unico che può aprire il rotolo e svelare il senso ultimo della storia. Lui prende il libro e toglie i sigilli. La visione ricalca la proclamazione del Vangelo nella santa Liturgia. Ed in effetti, prendere il Libro e aprirne i sigilli non è altro che proclamare e spiegare con autorevolezza la Parola di Dio nella santa assemblea dei credenti. Gesù continua ancora oggi ad essere il Maestro, l’unico Maestro del suo popolo. Scrive la Lettera agli Ebrei: "Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo del Figlio" (Eb 1,1-2). Di fronte all’Agnello c’è la corte celeste, potremmo dire l’intera storia: "Tutte le creature che sono nel cielo, sulla terra, sotto terra e nel mare e tutte le cose in essi contenute, udii che dicevano: A Colui che è siede sul trono e all’Agnello lode, onore, gloria e potenza, nei secoli dei secoli"
(v. 13). È una vera e propria liturgia cosmica che canta la lode a Cristo perché con il suo sangue ha riscattato l’umanità intera dal potere del male. Gesù è l’unico e universale salvatore.


15/10/2010
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica