Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Ricordo della dedicazione delle Basiliche romane di San Pietro in Vaticano e di San Paolo fuori le Mura.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro dell'Apocalisse 18,9-20

I re della terra che si sono prostituiti e han vissuto nel fasto con essa piangeranno e si lamenteranno a causa di lei, quando vedranno il fumo del suo incendio, tenendosi a distanza per paura dei suoi tormenti e diranno:

"Guai, guai, immensa città,
Babilonia, possente città;
in un'ora sola è giunta la tua condanna!".

Anche i mercanti della terra piangono e gemono su di lei, perché nessuno compera più le loro merci: carichi d'oro, d'argento e di pietre preziose, di perle, di lino, di porpora, di seta e di scarlatto; legni profumati di ogni specie, oggetti d'avorio, di legno, di bronzo, di ferro, di marmo; cinnamòmo, amòmo, profumi, unguento, incenso, vino, olio, fior di farina, frumento, bestiame, greggi, cavalli, cocchi, schiavi e vite umane.

"I frutti che ti piacevano tanto,
tutto quel lusso e quello splendore
sono perduti per te,
mai più potranno trovarli".

I mercanti divenuti ricchi per essa, si terranno a distanza per timore dei suoi tormenti; piangendo e gemendo, diranno:

"Guai, guai, immensa città,
tutta ammantata di bisso,
di porpora e di scarlatto,
adorna d'oro,
di pietre preziose e di perle!
In un'ora sola
è andata dispersa sì grande ricchezza!".

Tutti i comandanti di navi e l'intera ciurma, i naviganti e quanti commerciano per mare se ne stanno a distanza, e gridano guardando il fumo del suo incendio: "Quale città fu mai somigliante all'immensa città?". Gettandosi sul capo la polvere gridano, piangono e gemono:

"Guai, guai, immensa città,
del cui lusso arricchirono
quanti avevano navi sul mare!
In un'ora sola fu ridotta a un deserto!
Esulta, o cielo, su di essa,
e voi, santi, apostoli, profeti,
perché condannando Babilonia
Dio vi ha reso giustizia!".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’autore dell’Apocalisse, per ridare speranza e fiducia ai cristiani, descrive il crollo di Babilonia, la superpotenza mondiale responsabile della persecuzione contro la Chiesa. Nonostante l’apparente stabilità dell’impero romano, Giovanni sa che tutto è nelle mani di Dio: anche l’impero romano soggiace a Lui. Ed ogni potere che non si fonda su Dio o sulle sue leggi, ma solo sulla propria arroganza e sul proprio interesse vedrà la sua rovina. Accadde così a Roma, ma anche, potremmo aggiungere, a quelle ideologie del secolo scorso che volevano costruire umanesimi lontani da Dio. Giovanni fa descrivere lui stesso la caduta di Roma a coloro che hanno favorito e beneficiato dello splendore di quella città e che si sono lasciati contaminare dai suoi vizi. Sono tre categorie di persone: i re, i mercanti e i comandanti di navi, in pratica il potere politico ed economico che aveva la sua sorgente, la sua alimentazione e il suo sbocco nella grande metropoli. I re indicano il potere statale, che in tutto imita le infedeltà e l’idolatria di Babilonia; i mercanti sono coloro che commerciano all’ingrosso, usufruendo delle flotte per il trasporto delle loro merci, incarnando quelle che oggi potrebbero somigliare alle grandi multinazionali; i comandanti e i lavoratori del mare che rappresentano i ministri dei numerosi "servizi pubblici". La prima lamentazione (vv. 9-10) è intonata dall’assemblea dei potenti della terra che, davanti alle rovine fumanti di Babilonia, vedono configurarsi il loro destino. Iniziano con un duplice "Guai!" e chiudono con l’amaro stupore per un crollo così repentino: la superpotenza babilonese si è sgonfiata come un castello di carte nello spazio di "un’ora sola". Ma già il salmista meditava: "Sì, è solo un soffio ogni uomo che vive. Sì, è come un’ombra l’uomo che passa. Sì, come un soffio si affanna, accumula e non sa chi raccolga" (Sal 39,6-7). La seconda lamentazione su Babilonia (vv. 11-17 a) è intonata dai gestori del sistema commerciale che ruotava attorno all’impero come sul suo asse fondamentale. La lunga lista delle merci (vv. 1213) è composta soprattutto da articoli di lusso che Roma importava dall’impero e dalle regioni più remote. La terza e ultima lamentazione è intonata dai navigatori (vv. 17b-19). Anch’essa è aperta dai due "Guai!" e si conclude con la triste scoperta: "in un’ora sola fu ridotta a un deserto!" (v. 19). Entra infine una voce esterna che si rivolge ai giusti e alle vittime del potere oppressivo: essi assistono al giudizio divino con gioia perché finisce un incubo e inizia un orizzonte di luce e di pace (v. 20). Condannando il male, Dio rende giustizia al bene. Il giudizio dei peccatori, infatti, ha come rovescio della medaglia la gloria dei "santi, apostoli, profeti", gli uomini e le donne di Dio, e il trionfo della verità, della giustizia.


18/11/2010
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica