Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 6,14-29

Il re Erode sentì parlare di Gesù, poiché intanto il suo nome era diventato famoso. Si diceva: "Giovanni il Battista è risuscitato dai morti e per questo il potere dei miracoli opera in lui". Altri invece dicevano: "E' Elia"; altri dicevano ancora: "E' un profeta, come uno dei profeti". Ma Erode, al sentirne parlare, diceva: "Quel Giovanni che io ho fatto decapitare è risuscitato!".

Erode infatti aveva fatto arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, che egli aveva sposata. Giovanni diceva a Erode: "Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello". Per questo Erodìade gli portava rancore e avrebbe voluto farlo uccidere, ma non poteva, perché Erode temeva Giovanni, sapendolo giusto e santo, e vigilava su di lui; e anche se nell'ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri.

Venne però il giorno propizio, quando Erode per il suo compleanno fece un banchetto per i grandi della sua corte, gli ufficiali e i notabili della Galilea. Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla ragazza: "Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò". E le fece questo giuramento: "Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno". La ragazza uscì e disse alla madre: "Che cosa devo chiedere?". Quella rispose: "La testa di Giovanni il Battista". Ed entrata di corsa dal re fece la richiesta dicendo: "Voglio che tu mi dia subito su un vassoio la testa di Giovanni il Battista". Il re divenne triste; tuttavia, a motivo del giuramento e dei commensali, non volle opporle un rifiuto. Subito il re mandò una guardia con l'ordine che gli fosse portata la testa. La guardia andò, lo decapitò in prigione e portò la testa su un vassoio, la diede alla ragazza e la ragazza la diede a sua madre. I discepoli di Giovanni, saputa la cosa, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’invio dei discepoli in Galilea aveva maggiormente richiamato l’attenzione del popolo e delle autorità su Gesù. Ormai quel giovane maestro aveva una sua comunità, un suo gruppo con il quale si muoveva e assieme al quale raccoglieva molta gente. Anche Erode (è il figlio di Erode il Grande), che governava nella Galilea e nella Perea, e che già aveva sentito parlare di Gesù, si rende conto che la sua fama è molto cresciuta e si è estesa ovunque. C’era chi lo identificava con Elia, chi con uno degli antichi profeti e chi ancora con il Battista, risorto dai morti. Erode, in verità, aveva cercato di bloccare la predicazione di Giovanni Battista perché quanto affermava lo interpellava direttamente: giudicava infatti i suoi comportamenti e pretendeva da lui un cambiamento. Il cuore di Erode però non si era lasciato toccare dalle parole del profeta e man mano si era indurito sino a cadere vittima delle pretese omicide di Salomè, istigata dalla perfida Erodiade. Il re voleva essere più forte delle parole del Battista e cercò di tacitarlo, lasciando infine che fosse ucciso. Non riuscì però ad eliminare la Parola. Gesù avrebbe portato a compimento la predicazione del Battista, sì che davvero si poteva dire: “Quel Giovanni che io ho fatto decapitare è risuscitato”. La predicazione riprendeva il suo cammino per le strade del mondo, forte solo di se stessa. Il Vangelo chiede solo di essere ascoltato con disponibilità e accolto nel cuore. Noi purtroppo spesso ci riteniamo più forti della predicazione, assumendo lo stesso atteggiamento di Erode: cerchiamo di tacitarla, di allontanarla, di non darle credito. Ma in questo modo priviamo della luce noi stessi e gli altri. L’evangelista viene a dirci anche oggi che il Vangelo è più forte della forza dei tanti Erode di questo mondo. Beati siamo noi se l’accogliamo nel cuore e se lasciamo operare in noi il cambiamento per cui è stata inviata dall’alto.


04/02/2011
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica