Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 7,14-23

Chiamata di nuovo la folla, diceva loro: "Ascoltatemi tutti e intendete bene: non c'è nulla fuori dell'uomo che, entrando in lui, possa contaminarlo; sono invece le cose che escono dall'uomo a contaminarlo". .

Quando entrò in una casa lontano dalla folla, i discepoli lo interrogarono sul significato di quella parabola. E disse loro: "Siete anche voi così privi di intelletto? Non capite che tutto ciò che entra nell'uomo dal di fuori non può contaminarlo, perché non gli entra nel cuore ma nel ventre e va a finire nella fogna?". Dichiarava così mondi tutti gli alimenti. Quindi soggiunse: "Ciò che esce dall'uomo, questo sì contamina l'uomo. Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono le intenzioni cattive: fornicazioni, furti, omicidi, adultèri, cupidigie, malvagità, inganno, impudicizia, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dal di dentro e contaminano l'uomo".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il brano continua la discussione su ciò che è puro e ciò che è impuro iniziata già nel Vangelo di ieri. È un tema decisivo per l’insegnamento di Gesù. Il Signore chiama la folla attorno a sé per mostrare loro la vera dimensione religiosa della vita. Intende rispondere direttamente alla domanda che i farisei gli avevano fatto sul perché i discepoli mangiassero con “mani impure”, ossia senza lavarsele. I miei discepoli – risponde Gesù – fanno così perché “non c’è nulla fuori dell’uomo che, entrando in lui, possa renderlo impuro. Ma sono le cose che escono dall’uomo a renderlo impuro”. Il punto nodale è il cuore. Dal cuore nascono i pensieri malvagi, le intenzioni impure, le decisioni cattive. È il cuore perciò che bisogna curare; di qui bisogna sradicare le erbe amare dell’odio, della vendetta, della cupidigia, della sopraffazione. Gesù dice chiaramente: “Dal di dentro infatti, cioè dal cuore degli uomini, escono i propositi di male: impurità, furti, omicidi, adultèri, avidità, malvagità, inganno, dissolutezza, invidia, calunnia, superbia, stoltezza. Tutte queste cose cattive vengono fuori dall’interno e rendono impuro l’uomo”. Sono questi cattivi sentimenti che scatenano violenze e conflitti. La battaglia centrale della nostra vita si combatte nel cuore per liberarlo dagli istinti cattivi e seminarvi il germe dell’amore. E questo avviene seminando nel nostro cuore la Parola di Dio e facendola fruttare. Maria, la prima dei credenti, ce lo insegna fin dall’inizio. Essa, scrive il Vangelo, “custodiva tutte queste cose nel suo cuore”, cioè tutto quello che vedeva accadere a Gesù. Per questo i suoi pensieri e le sue opere erano buoni, perché provenivano da un cuore purificato dall’ascolto continuo della Parola di Dio e dalla contemplazione ininterrotta di quel che Gesù faceva. È la via che anche noi dobbiamo seguire, se vogliamo vivere in purezza di cuore.


09/02/2011
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica