Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Marco 10,28-31

Pietro allora gli disse: "Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito". Gesù gli rispose: "In verità vi dico: non c'è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva gia al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna. E molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’episodio narrato da Marco è strettamente connesso con i due brani precedenti. Pietro prende la parola per dichiarare che l’atteggiamento degli apostoli è stato ben diverso da quello del ricco che si era poco prima allontanato da Gesù con l’animo amareggiato. In effetti, loro hanno lasciato tutto, beni e famiglia, e lo hanno seguito. C’è dunque qualcuno che ha risposto alla chiamata di Gesù: è quel “noi” che Pietro utilizza a nome dei discepoli e di tutti coloro che si abbandonano fiduciosi all’invito del Signore. La presa di coscienza di Pietro permette a Gesù di approfondire il senso della sequela: non è né un sacrificio né una perdita rispetto ad una vita che sarebbe stata più ricca e felice. Del resto già in altra parte Gesù dice: “Misericordia io voglio, e non sacrifici”. Il Vangelo mostra qual è la vera ricchezza che ottengono i discepoli di Gesù. Essi, lasciando ogni cosa per seguirlo, ricevono già da ora, ossia in questa terra, il centuplo di quel che hanno lasciato, insieme a persecuzioni (e Gesù non manca di notarlo) e nel futuro riceveranno la vita eterna. Il centuplo perciò è la ricchezza e la dolcezza della comunità donata a chiunque sceglie Gesù. Sì, per ogni discepolo la comunità dei credenti diviene madre, fratello, sorella e casa. Inoltre questa fraternità non avrà mai fine. Neppure la morte potrà distruggerla. Queste parole di Gesù sono fonte di gioia piena per ciascuno di noi: il Signore ci dona molto più di quello che lasciamo. L’iperbole del “centuplo” è segno di abbondanza e indica che tipo di ricchezza riceve colui che si mette alla sequela del Vangelo.


01/03/2011
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica