Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Festa della Visitazione di Maria a Elisabetta.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 1,39-56

In quei giorni Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: "Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore".

Allora Maria disse:

"L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato a mani vuote i ricchi.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza,
per sempre".

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Chiesa cattolica e la Chiesa anglicana ricordano oggi la visitazione di Maria a Elisabetta, una festa che la liturgia ha voluto porre tra la memoria dell’Annunciazione e la Natività di Giovanni Battista per legarla meglio alla narrazione evangelica. Il Vangelo che abbiamo ascoltato ci annuncia questo evento. Maria, dopo aver saputo dall’angelo che Elisabetta era incinta, subito corre da lei. “In fretta” scrive Luca. Potremmo dire che il Vangelo mette sempre fretta, spinge cioè a uscire dalle proprie abitudini, dalle proprie preoccupazioni e dai propri pensieri, per andare oltre, per preoccuparsi degli altri. E quanti pensieri aveva Maria in quei momenti, dopo che la Parola di Dio le aveva sconvolto completamente la vita! Il Vangelo ci fa alzare da noi stessi e ci spinge ad essere accanto a chi soffre o comunque a chi ha bisogno, come l’anziana Elisabetta che stava affrontando una difficile maternità. Costei, appena vede la giovane Maria venire a casa sua, gioisce profondamente, fin nelle viscere. È la gioia dei deboli e dei poveri nel sentirsi visitati dalle “serve” e dai “servi” del Signore, da coloro cioè che hanno creduto “all’adempimento di ciò che il Signore ha detto”. La Parola di Dio, se accolta con fede, crea un’alleanza nuova nel mondo, un’alleanza inusitata, quella tra di discepoli del Vangelo e i poveri. Maria è divenuta la prima dei credenti. Ella appare sin dall’inizio segnata dalla beatitudine di chi ascolta la Parola di Dio. È la prima beatitudine del Vangelo, come scrive Luca: “Beata colei che ha creduto all’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. La felicità di Maria, la prima discepola del Vangelo, si esprime nel canto del Magnificat. È un canto che manifesta la gioia di una ragazza di uno sperduto villaggio della periferia dell’impero nel vedere che il Signore del cielo e della terra si è chinato su di lei, sua povera serva. Maria non si reputa degna di considerazione, come in genere ciascuno di noi reclama per se stesso. Sa che tutto le viene da Dio e che da Dio origina la sua grandezza e la sua forza. Il Dio che ha liberato Israele, che ha protetto i poveri, che ha umiliato i superbi e che ha ricolmato di beni gli affamati si è chinato su di lei e l’ha amata. Lei lo ha accolto nel cuore. Da quel giorno, attraverso di lei, Dio ha posto la sua dimora in mezzo agli uomini.


31/05/2011
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri