Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 11,28-30

Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò. Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime. Il mio giogo infatti è dolce e il mio carico leggero".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Sono pochi versetti, ma pieni di quella compassione di cui abbiamo ascoltato all’inizio della missione pubblica di Gesù, come scrive lo stesso Matteo: “Vedendo le folle ne sentì compassione, perché erano stanche e sfinite, come pecore senza pastore” (9,36). Egli, come a sintetizzare tutta la sua azione salvifica, chiama a sé tutti coloro che sono affaticati e appesantiti dalla vita: dal pubblicano che ha chiamato a seguirlo, al piccolo gruppo di uomini e di donne che lo hanno scelto come Maestro, alle folle stanche e sfinite di ieri che finalmente possono trovare un pastore, a quelle, ancor più numerose, di oggi che fanno estrema fatica a trovare chi si occupi di loro, a quelle oppresse dallo strapotere dei ricchi, a quelle colpite dalla violenza della guerra, della fame, dell’ingiustizia. Su tutte queste folle, oggi, risuonano queste parole del Signore: “Venite a me, vi darò ristoro”. E noi dobbiamo essere la sua voce. Sì, le comunità cristiane di oggi, sparse in ogni parte della terra, dovrebbero ripetere queste stesse parole di Gesù alle folle bisognose di aiuto e di conforto: “Venite, vi daremo ristoro!”. Ma avviene questo? Non accade invece che talora siamo muti, magari perché preoccupati solo per le nostre questioni interne? Eppure appare a tutti con evidenza il bisogno che c’è di questo invito! C’è bisogno di una nuova audacia. Ma può sgorgare solo da un cuore simile a quello di Gesù. Evitiamo di ripiegarci su noi stessi, di restare prigionieri della nostra autoreferenzialità. E con maggiore coraggio testimoniamo con le parole e con i fatti la straordinaria - e unica - misericordia di Gesù. Il “ristoro” di cui parla il Vangelo non è altro che Gesù stesso: riposarsi sul suo petto e nutrirsi della sua Parola. Gesù, e solo lui, può aggiungere: “Prendete il mio giogo sopra di voi”. Non parla del “giogo della legge”, il duro giogo imposto dai farisei. Il giogo di cui parla Gesù è il Vangelo, che è assieme esigente e dolce, appunto come lui. Per questo aggiunge: “Imparate da me, che sono mite ed umile di cuore”. Imparate da me: ossia, divenite miei discepoli. Ne abbiamo bisogno noi; e soprattutto ne hanno bisogno le numerose folle di questo mondo che aspettano di ascoltare ancora l’invito di Gesù: “Venite e troverete il ristoro”.


14/07/2011
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica