Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di santo Stefano (+1038), re di Ungheria. Si convertì al Vangelo e promosse l’evangelizzazione nel paese.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 19,23-30

Gesù allora disse ai suoi discepoli: "In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli". A queste parole i discepoli rimasero costernati e chiesero: "Chi si potrà dunque salvare?". E Gesù, fissando su di loro lo sguardo, disse: "Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile".

Allora Pietro prendendo la parola disse: "Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne otterremo?". E Gesù disse loro: "In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna.

Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il giovane ricco se n’è appena andato via, triste. Ha preferito restare con le sue ricchezze che lasciarle e seguire Gesù. I beni gli stanno più a cuore di quel maestro. Gesù, subito dopo, si rivolge ai discepoli e - con qualche tristezza per non aver convinto quel giovane - rileva che è difficile che un ricco entri nel regno dei cieli. Gesù non dice che è impossibile. Non afferma in maniera manichea che la ricchezza è un male. È però una condizione che facilità l’avidità, che rende più agevole l’avarizia, che porta a dimenticare più facilmente gli altri, che favorisce l’attaccamento ai beni materiali. Per far comprendere tale difficoltà porta un esempio davvero incredibile: “È più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio”. È una esagerazione che fa pensare. E in effetti i discepoli immediatamente reagiscono: “Allora, chi può essere salvato?”. È un interrogativo che dovrebbe risuonare con maggior forza in un mondo in cui il possesso dei beni è una delle mete perseguite con maggiore impegno, con determinazione e a qualsiasi costo. Gesù, del resto, non può attenuare il pericolo delle ricchezze di fronte alla vita cristiana, direi semplicemente umana. Gesù ha più volte avvertito i discepoli che non si possono servire Dio e mammona, ossia il denaro (Mt 6,24). Purtroppo nella società odierna il denaro, la ricchezza, i beni sono diventati idoli che esigono completa dedizione. E sui loro altari facilmente si sacrifica anche la vita. Sembra impossibile che un ricco possa salvarsi. Ma Gesù immediatamente ribatte: “Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile”. La fede, l’abbandono a Dio muove il cuore dell’uomo dal possesso delle cose all’abbandono in Dio. Pietro inizia a capire e chiede a Gesù cosa ricevono coloro che abbandonano tutto e si affidano a Dio. E Gesù offre una risposta straordinaria che mostra la generosità di Dio verso chi si affida a Lui: riceverà ora il centuplo di ciò che ha lasciato. È a dire che sarà circondato da fratelli e sorelle e la loro fraternità lo coprirà di amore. È il senso della vita comune che viene donata ai discepoli di Gesù. E, dopo la morte, la vita eterna. È l’opposto di quel che normalmente si crede: il Vangelo non toglie nulla, anzi arricchisce la vita, sia in questa terra che dopo.


16/08/2011
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
FEB
19
domenica 19 febbraio
Liturgia della domenica
FEB
20
lunedì 20 febbraio
Preghiera per la pace
FEB
21
martedì 21 febbraio
Preghiera con Maria, madre del Signore
FEB
22
mercoledì 22 febbraio
Preghiera degli Apostoli
FEB
23
giovedì 23 febbraio
Preghiera per la Chiesa
FEB
24
venerdì 24 febbraio
Preghiera della Santa Croce
FEB
25
sabato 25 febbraio
Vigilia del giorno del Signore
FEB
26
domenica 26 febbraio
Liturgia della domenica