Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 8,19-21

Un giorno andarono a trovarlo la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla. Gli fu annunziato: "Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti". Ma egli rispose: "Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’evangelista pone questo episodio subito dopo la parabola del seminatore e della lampada che deve far luce. E non lo fa a caso. Vuole infatti sottolineare la centralità dell’ascolto della Parola di Dio nella vita della Chiesa e di ogni comunità cristiana. La sua famiglia è composta da chi lo ascolta e cerca di mettere in pratica la sua parola. Luca narra che i familiari di Gesù, forse per sottrarlo alla vita che aveva intrapreso, che causava non pochi inconvenienti anche all’intera parentela, decidono di cercarlo magari per dissuaderlo o comunque per frenare la sua azione. Quando giungono nel luogo ove si trova Gesù lo vedono circondato da molta gente che impedisce loro di avvicinarlo. Incaricano quindi uno dei presenti perché dicano al giovane rabbì che sua madre e i suoi fratelli stanno fuori e aspettano di vederlo. Non è senza significato che l’evangelista noti che i parenti restano “fuori” rispetto a coloro che stanno “dentro” ad ascoltare quel Maestro. Gesù, avvertito della presenza dei parenti, risponde che la sua vera famiglia è composta da quelli che stanno attorno a lui ad ascoltarlo. Chi sta “fuori”, anche se parente secondo la carne, non fa parte della sua famiglia. Il Vangelo, infatti, crea una nuova famiglia, non fatta dai legami naturali, ma da quelli ben più saldi che sono frutto dell’azione dello Spirito. Per essere partecipi di questa famiglia si richiede perciò l’ascolto del Vangelo e l’impegno a metterlo in pratica. E Maria, la madre di Gesù, ne è l’esempio per tutti. Lei è stata la prima a credere alla Parola di Dio comunicatale dall’angelo, come ricorda Luca: “Avvenga per me secondo la tua parola”. Ed Elisabetta, conoscendo tale atteggiamento di Maria, ha pronunciato su di lei la prima beatitudine del Vangelo: “E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. Maria resta la prima dei credenti, l’esempio che ogni discepolo deve seguire nel “conservare” nel proprio cuore tutto ciò che riguarda Gesù.


20/09/2011
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica