Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Ricordo dello storico incontro di Assisi (1986), quando Giovanni Paolo II invitò rappresentanti di tutte le confessioni cristiane e delle grandi religioni mondiali per pregare per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 13,31-35

In quel momento si avvicinarono alcuni farisei a dirgli: "Parti e vattene via di qui, perché Erode ti vuole uccidere". Egli rispose: "Andate a dire a quella volpe: Ecco, io scaccio i demòni e compio guarigioni oggi e domani; e il terzo giorno avrò finito. Però è necessario che oggi, domani e il giorno seguente io vada per la mia strada, perché non è possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme.

Gerusalemme, Gerusalemme, che uccidi i profeti e lapidi coloro che sono mandati a te, quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli come una gallina la sua covata sotto le ali e voi non avete voluto! Ecco, la vostra casa vi viene lasciata deserta! Vi dico infatti che non mi vedrete più fino al tempo in cui direte: Benedetto colui che viene nel nome del Signore!".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Mentre Gesù rivolge i suoi passi verso Gerusalemme, alcuni farisei lo avvertono che il re Erode lo sta cercando per ucciderlo. Non è lo stesso Erode dell’infanzia di Gesù, ma è della stessa famiglia. Si potrebbe dire che l’opposizione al Vangelo è una tradizione che continua senza interruzione. Il potere cattivo degli uomini ha sempre paura della forza del Vangelo, sia sotto la debolezza di un bambino che sotto la debolezza di una Parola che non cessa di risuonare ovunque, predicando con chiarezza il primato dell’amore. Questa predicazione è ostacolata dall’Erode di turno. Gesù potrebbe fuggire per evitare il pericolo di essere preso ed ucciso, come è accaduto al Battista. Ed è verosimile che Gesù stesso abbia ormai compreso che è sempre più pericoloso continuare il viaggio verso Gerusalemme. Lo hanno capito persino i farisei che mettono Gesù in guardia. Tuttavia Gesù non recede, non può tradire il Vangelo, non può bloccare la sua predicazione. Sa comunque che il Vangelo è più forte del potere di Erode. Anzi, è necessario che la buona notizia del Regno sia predicata lungo le strade della Galilea e della Giudea fin dentro le mura di Gerusalemme. Per questo Gesù non fugge da Erode, non si ferma di fronte ai pericoli e risponde ai farisei: “Non è possibile che un profeta muoia fuori di Gerusalemme”. E immediatamente fa seguire quel triste lamento sulla città santa, che si è tanto allontanata da Dio da non saper più accogliere la parola dei profeti. Ma questa sordità la porterà verso la distruzione: “Quante volte ho voluto raccogliere i tuoi figli, come una chioccia i suoi pulcini sotto le ali, e voi non avete voluto!”. Sono parole accorate del Signore che forse dobbiamo ripetere anche oggi su molte delle nostre città, sempre più ferite dalla violenza. Solo accogliendo la profezia di Dio, solo se le parole di amore avranno cittadinanza nei cuori degli uomini, le nostre città e i nostri paesi potranno trovare la via di una convivenza più pacifica e serena.


27/10/2011
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
12
lunedì 12 dicembre
Preghiera per i poveri
DIC
13
martedì 13 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
14
mercoledì 14 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
15
giovedì 15 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
16
venerdì 16 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
17
sabato 17 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
18
domenica 18 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri