Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 1,46-56

Allora Maria disse:

"L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome:
di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.
Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;
ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;
ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato a mani vuote i ricchi.
Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,
come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza,
per sempre".

Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Nell’incontro con la cugina Elisabetta - come abbiamo ascoltato nel Vangelo di ieri - Maria è stata salutata con la prima beatitudine che appare nel Vangelo: “Beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto”. Fa certamente riflettere che la prima beatitudine sia legata all’ascolto della Parola di Dio. E si badi bene, l’ascolto del Vangelo non è senza problemi, senza turbamenti, senza inquietudine. Anzi, è proprio di tale ascolto l’essere messi in questione, l’essere interrogati sulla propria vita. L’evangelista fa notare che, al momento dell’annunciazione, Maria si “turbò” alle parole dell’angelo. È a dire che quelle parole provocarono una reazione intensa nell’animo di Maria. Ella però ha continuato ad ascoltare l’angelo. E l’iniziale “turbamento” si è trasformato nella gioia di chi si sente sicuro nelle mani di Dio. Maria è divenuta la prima discepola del Vangelo, la prima che canta la gioia di quel che le è accaduto. Il canto del Magnificat, nell’intreccio delle sue strofe, raccoglie come in sintesi la felicità dei “poveri di Jahveh”, di coloro che hanno posto tutta la loro vita nelle mani del Signore e che da Lui tutto attendono. Maria esplode in un inno di lode a Dio che le parte dal profondo dell’anima perché il Signore del cielo e della terra ha chinato il suo sguardo verso di lei, povera e debole creatura. Maria non nasconde la sua pochezza e la sua povertà. Quale differenza con noi che pretendiamo attenzione e considerazione! Maria comprende che il mistero che sta vivendo è tutto uno straordinario dono del Signore. Quello stesso Dio che ha liberato Israele dalla schiavitù dell’Egitto, che ha protetto i poveri, che ha umiliato i superbi e che ha ricolmato di beni gli affamati, si è chinato su di lei e l’ha amata così tanto da renderla Madre del Figlio. Lei, con tremore e gioia grande, lo ha accolto nel suo cuore e ne ha fatto lo scopo della sua stessa vita. Da quel giorno, attraverso di lei, Dio ha posto la sua dimora in mezzo agli uomini. È lei la prima vera “mangiatoia”, il primo luogo dove il Verbo si è fatto carne. Ed in lei il Signore ci ha indicato la via che i credenti sono chiamati a percorrere.


22/12/2011
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica