Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Giuseppe lavoratore e festa del lavoro. Per gli ebrei è il giorno della Memoria della Shoah, in cui si ricorda lo sterminio del loro popolo nei lager nazisti.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Lo Spirito del Signore è su di te,
chi nascerà da te sarà santo.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Galati 2,15-21

Noi che per nascita siamo Giudei e non pagani peccatori, sapendo tuttavia che l'uomo non è giustificato dalle opere della legge ma soltanto per mezzo della fede in Gesù Cristo, abbiamo creduto anche noi in Gesù Cristo per essere giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge; poiché dalle opere della legge non verrà mai giustificato nessuno".

Se pertanto noi che cerchiamo la giustificazione in Cristo siamo trovati peccatori come gli altri, forse Cristo è ministro del peccato? Impossibile! Infatti se io riedifico quello che ho demolito, mi denuncio come trasgressore. In realtà mediante la legge io sono morto alla legge, per vivere per Dio. Sono stato crocifisso con Cristo e non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me. Questa vita nella carne, io la vivo nella fede del Figlio di Dio, che mi ha amato e ha dato se stesso per me. Non annullo dunque la grazia di Dio; infatti se la giustificazione viene dalla legge, Cristo è morto invano.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Ecco, Signore, i tuoi servi:
avvenga a noi secondo la Tua Parola.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, dopo aver chiarito il dissidio con Pietro, esprime il senso vero della giustificazione. Per il giudaismo il tema della salvezza si condensava in questa domanda: come può l’uomo, che è peccatore, trovare giustificazione al cospetto di Dio? Paolo risponde non si ottiene la giustificazione attraverso le opere, ma solo attraverso la morte e la risurrezione di Gesù. Sin da ora il peccatore è trasformato in giusto, perché il peccato è stato cancellato dalla morte di Gesù. L’uomo “vecchio” può lasciare il posto all’uomo “nuovo”. È qui il punto che separa la nuova legge dall’antica. Paolo sa di appartenere allo stesso popolo eletto di Pietro e degli altri giudeo-cristiani. Sa anche che essere “giudei di nascita” comporta vari privilegi che altri non hanno: “l’adozione a figli, la gloria, le alleanze, la legislazione, il culto, le promesse” e infine “i patriarchi” e il fatto che “da loro proviene Cristo secondo la carne” (Rm 9,4ss.). I pagani, invece, non solo non adempiono la legge, ma neppure la conoscono. Aggiunge però, citando liberamente il Salmo 143 (v. 2): “Nessuna carne” è immune dal peccato e “l’uomo non è giustificato” dalle opere della legge. La giustificazione, sia per gli uni che per gli altri, avviene “mediante la fede” in Cristo Gesù. Paolo risponde all’obiezione di chi insinua che in tal modo “Cristo (apparirebbe) come ministro del peccato”. È una obiezione analoga a quella degli scribi e dei farisei allorché vedevano Gesù “mangiare coi peccatori e i pubblicani”. La risposta di Gesù fu chiara: “Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati; io non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori” (Mc 2,16ss). Non è il comportamento che salva e neppure una presunta coerenza, peraltro impossibile a noi peccatori. Quel che salva è aderire con tutto il cuore al Vangelo e affidarsi totalmente alla misericordia del Signore, che liberamente perdona e giustifica. Paolo chiede che ciascun credente “crocifigga” il proprio uomo vecchio, ossia il proprio orgoglio e la propria autosufficienza, per vivere secondo il Vangelo, per dipendere totalmente da Dio verso cui non possiamo avanzare nessuna pretesa: tutto è grazia. Da parte loro i credenti debbono impegnarsi a mettere in pratica il Vangelo e avere “gli stessi sentimenti di Cristo Gesù”, per poter giungere a dire con Paolo: “Non vivo più io, ma Cristo vive in me”. L’apostolo nota che Cristo non è morto invano. Se la giustificazione fosse possibile mediante la legge, anche la morte di Cristo non sarebbe stata necessaria e quindi Gesù sarebbe stato crocifisso inutilmente.


01/05/2012
Memoria della Madre del Signore


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri