Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo agli Efesini 2,11-22

Perciò ricordatevi che un tempo voi, pagani per nascita, chiamati incirconcisi da quelli che si dicono circoncisi perché tali sono nella carne per mano di uomo, ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele, estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio in questo mondo. Ora invece, in Cristo Gesù, voi che un tempo eravate i lontani siete diventati i vicini grazie al sangue di Cristo. Egli infatti è la nostra pace, colui che ha fatto dei due un popolo solo, abbattendo il muro di separazione che era frammezzo, cioè l'inimicizia, annullando, per mezzo della sua carne, la legge fatta di prescrizioni e di decreti, per creare in se stesso, dei due, un solo uomo nuovo, facendo la pace, e per riconciliare tutti e due con Dio in un solo corpo, per mezzo della croce, distruggendo in se stesso l'inimicizia. Egli è venuto perciò ad annunziare pace a voi che eravate lontani e pace a coloro che erano vicini. Per mezzo di lui possiamo presentarci, gli uni e gli altri, al Padre in un solo Spirito.

Così dunque voi non siete più stranieri né ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio, edificati sopra il fondamento degli apostoli e dei profeti, e avendo come pietra angolare lo stesso Cristo Gesù. In lui ogni costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore; in lui anche voi insieme con gli altri venite edificati per diventare dimora di Dio per mezzo dello Spirito.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’apostolo è preoccupato dell’unità della comunità messa in pericolo dalle tensioni tra coloro che provenivano dall’ebraismo e quelli che venivano dal paganesimo. Questa pagina è composta come un trittico. Il primo quadro richiama la lontananza tra ebrei e pagani per sottolineare l’opera di Gesù che abbatte il muro e la conseguente unità che si crea. Paolo ricorda ai pagani la loro condizione di un tempo, ossia il loro essere lontani da Dio, fuori della sua rivelazione. È una riflessione specifica per il tempo dell’apostolo, ma ciascuno di noi può riferirla a se stesso pensando a quando era lontano da Dio e al di fuori della comunione con lui. Queste parole ci fanno pensare anche all’oggi della Chiesa: quante divisioni ci sono tra i cristiani! E se allarghiamo lo sguardo: quanti i conflitti tra i popoli della terra! Come credenti non possiamo rassegnarci alle divisioni, rischiando così di esserne complici. Siamo chiamati ad operare per restaurare la fraternità tra tutti, voluta da Dio. L’apostolo presenta, quindi, Gesù come la nostra pace, come colui che ha unito in un solo corpo giudei e gentili. Noi possiamo aggiungere che opera anche per l’unione dei separati e dei dispersi perché tutti siano raccolti in unità. Cristo realizza la pace perché egli è la pace. E per questo opera per la comunione piena tra gli uomini. La pace non è un sentimento di benessere e neppure la semplice assenza di guerra. La pace è, appunto, pienezza di comunione, il bene messianico supremo. Per renderla possibile Gesù è entrato nel profondo del conflitto sino a subire la morte. Con la croce ha abbattuto il muro dell’egoismo che divide gli uomini e ha riunito tutti nell’amore e ha realizzato l’“uomo nuovo”, l’uomo nel cui cuore abita l’intera umanità. Nel cuore del credente, infatti, si realizza il superamento di ogni divisione, di ogni barriera, di ogni confine. Per il discepolo di Gesù non ci sono nemici da combattere, ma solo fratelli e sorelle da amare. È da questo amore “crocifisso” che nasce la Chiesa come comunione di fratelli e di sorelle. Gesù ha tolto l’inimicizia che divide gli uomini prendendo su di sé l’inimicizia, l’odio, la divisione, senza reagire, senza usare violenza, anzi perdonando. In tal modo ha inchiodato l’inimicizia con lui sulla croce e ha fatto sgorgare l’amore. Dalla croce è nata una nuova fraternità sulla terra: la comunità dei credenti. Ad essa è affidato il compito della riconciliazione ovunque c’è divisione e separazione. E con Isaia possiamo cantare anche oggi con il profeta Isaia: “Come sono belli sui monti i piedi del messaggero che annunzia la pace” (Is 52,7). I discepoli, accogliendo l’amore della croce, non sono più stranieri e forestieri: sono diventati “concittadini dei santi”, ossia parte della famiglia di Dio che già sulla terra pregusta i beni del cielo.


19/05/2012
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica