Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla prima lettera di Paolo ai Tessalonicesi 3,1-5

Per questo, non potendo più resistere, abbiamo deciso di restare soli ad Atene e abbiamo inviato Timòteo, nostro fratello e collaboratore di Dio nel vangelo di Cristo, per confermarvi ed esortarvi nella vostra fede, perché nessuno si lasci turbare in queste tribolazioni. Voi stessi, infatti, sapete che a questo siamo destinati; gia quando eravamo tra voi, vi preannunziavamo che avremmo dovuto subire tribolazioni, come in realtà è accaduto e voi ben sapete. Per questo, non potendo più resistere, mandai a prendere notizie sulla vostra fede, per timore che il tentatore vi avesse tentati e così diventasse vana la nostra fatica.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo aveva appena pregato Silvano e Timoteo di recarsi da lui da Berea ad Atene (At 17,15); ma la notizia degli attacchi persecutori alla comunità di Tessalonica (2,14; 3,3ss.) rendono nuovamente necessaria la separazione. La decisione di restare solo ad Atene non gli è facile, anche perché Timoteo è per lui “diletto figlio” e “fratello”; ma è anche “collaboratore di Dio nel Vangelo di Cristo” e quindi con il compito primario di continuarne la predicazione. L’amore di Paolo per la comunità di Tessalonica è più forte di quello che ha per se stesso, sino a privarsi dell’amico per inviarlo alla comunità che ne ha bisogno perché in pericolo. Egli - scrive Paolo - viene: “per confermarvi ed esortarvi nella vostra fede, 3perché nessuno si lasci turbare in queste prove” (3,2-3). Le sofferenze a causa del Vangelo sono un destino per tutte le comunità cristiane. Il Vangelo è altro dal mondo. E questa sua “profezia” inevitabilmente provoca l’opposizione del mondo. Profezia ed ostilità sono due dimensioni inseparabili nella vita della Chiesa. Come a conferma, l’apostolo nota che le difficoltà ci sono anche a Corinto. E i cristiani di Tessalonica lo sanno: “Voi stessi, infatti, sapete che questa è la nostra sorte; infatti, quando eravamo tra voi, dicevamo già che avremmo subìto delle prove, come in realtà è accaduto e voi ben sapete” (3,3-4). I Tessalonicesi conoscono le sofferenze che Paolo ha sperimentato personalmente, ma anche la forza che ha mostrato nel continuare la sua missione pastorale. Paolo è comunque preoccupato per la vita della comunità. Sa che dietro le persecuzioni si nasconde il “tentatore”, il principe della divisione e del male; e ne conosce la potenza. L’amore premuroso per la giovane comunità non gli dà tranquillità. Ha paura che i cristiani di Tessalonica possano cedere alle tentazioni proprie dei tempi finali. E non vuole che sia vanificata la sua fatica, nella quale appare l’opera stessa di Dio.


04/06/2012
Preghiera per i malati


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica