Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla prima lettera di Paolo ai Tessalonicesi 4,13-18

Non vogliamo poi lasciarvi nell'ignoranza, fratelli, circa quelli che sono morti, perché non continuiate ad affliggervi come gli altri che non hanno speranza. Noi crediamo infatti che Gesù è morto e risuscitato; così anche quelli che sono morti, Dio li radunerà per mezzo di Gesù insieme con lui. Questo vi diciamo sulla parola del Signore: noi che viviamo e saremo ancora in vita per la venuta del Signore, non avremo alcun vantaggio su quelli che sono morti. Perché il Signore stesso, a un ordine, alla voce dell'arcangelo e al suono della tromba di Dio, discenderà dal cielo. E prima risorgeranno i morti in Cristo; quindi noi, i vivi, i superstiti, saremo rapiti insieme con loro tra le nuvole, per andare incontro al Signore nell'aria, e così saremo sempre con il Signore. Confortatevi dunque a vicenda con queste parole.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, dopo aver esortato i Tessalonicesi a comportarsi in maniera degna della vocazione che hanno ricevuto, parla del destino dei defunti. Non è bene restare nell’incertezza come lo sono coloro che non credono. Evidentemente c’era un clima di tristezza che appannava la speranza dei Tessalonicesi. Paolo li esorta a nuovi sentimenti: come non ci rattristiamo per la nostra morte perché sappiamo che risorgeremo, così non dobbiamo “affliggerci” per coloro che sono già morti. Anch’essi risorgeranno. Il dolore per la morte dei nostri cari non deve lasciarci nella disperazione. La speranza cristiana non si fonda su teorie filosofiche, ma sulla certezza della risurrezione di Gesù. È quanto ci hanno trasmesso gli apostoli nella predicazione dopo esserne stati testimoni: “colui che era morto” viveva in mezzo a loro realmente, in carne ed ossa, sebbene in maniera spirituale. Tutto ciò non fa parte della natura e vi si accede solo per fede. Dal mistero della risurrezione di Gesù si passa anche alla nostra risurrezione e a quella di coloro che ci hanno preceduto. Ai Filippesi scrive: noi aspettiamo dal cielo “il Signore Gesù Cristo, il quale trasfigurerà il nostro misero corpo per conformarlo al suo corpo glorioso, in virtù del potere che egli ha di sottomettere a sé tutte le cose” (Fil 3,21). La creazione sarà quindi liberata dalla “schiavitù della corruzione” (Rm 8,21) e noi avremo un “corpo spirituale” (animato dallo Spirito Santo) (1 Cor 15,44). Tutti, sia chi è ancora su questa terra sia chi è già morto, troviamo la speranza nella risurrezione di Gesù. Forse qualcuno tra i Tessalonicesi pensava che chi era già morto non avrebbe partecipato alla parusia che i Tessalonicesi peraltro pensavano stesse per arrivare. Paolo chiarisce che la risurrezione dei morti riguarda tutti i credenti. Il “secondo” ritorno del Cristo risorto non sarà altro che la piena manifestazione della Pasqua già avvenuta. L’“ordine” dell’eternità, che è Cristo stesso, riguarda prima coloro che sono già morti. In seguito “noi, che viviamo e che saremo ancora in vita, verremo rapiti insieme con loro nelle nubi, per andare incontro al Signore in alto”, ossia trasferiti nel cielo stesso di Dio. E “così saremo sempre col Signore” (4,17). Paolo non dice nulla sulla tragica fine del mondo e del peccato, ma neppure del nuovo mondo e della nuova esistenza. Perché la fine e il fine della storia avverrà quando tutti saremo con Cristo. Paolo ci esorta a consolarci con queste parole. Il futuro è già iniziato con la risurrezione di Cristo.


07/06/2012
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri