Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla prima lettera di Giovanni 4,17-21

Per questo l'amore ha raggiunto in noi la sua perfezione, perché abbiamo fiducia nel giorno del giudizio; perché come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo. Nell'amore non c'è timore, al contrario l'amore perfetto scaccia il timore, perché il timore suppone un castigo e chi teme non è perfetto nell'amore.

Noi amiamo, perché egli ci ha amati per primo. Se uno dicesse: "Io amo Dio", e odiasse il suo fratello, è un mentitore. Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede. Questo è il comandamento che abbiamo da lui: chi ama Dio, ami anche il suo fratello.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’audacia dell’apostolo nel dire che l’amore nei cristiani è perfetto sottolinea l’originalità dell’amore evangelico (l’agape) che non è opera dell’uomo ma, appunto, l’amore di Dio riversato nel cuore dei credenti. Ed è un amore che lega il cristiano a Dio e ai fratelli in maniera indivisibile. L’amore cristiano realizza una circolarità di rapporto tra Dio e i fratelli che prende avvio dal “rimanere” di Dio in noi. E l’esempio è quello di Gesù: “Come è lui, così siamo anche noi, in questo mondo”. È un’affermazione che richiama quella di Paolo: “Non sono io che vivo, ma è Cristo che vive in me”. L’amore perfetto dei cristiani, pertanto, non è opera propria dell’uomo. È un dono che il cristiano riceve dall’alto e che non deve né incatenare né intristire, ma lasciarlo operare nella sua forza liberante. Ancora una volta l’apostolo ribadisce che noi possiamo amare perché Dio ci ha amati per primo. E non è mai - come in tutte le pagine bibliche emerge con chiarezza - un amore astratto e vuoto; al contrario, si realizza sempre nell’amare gli uomini a partire dai più deboli. Ebbene, se l’amore di Dio è di questa specie ne viene di conseguenza che non è possibile sostenere di amare Dio se non si amano i fratelli. Solo il bugiardo può fare tali affermazioni. L’apostolo è chiaro: “Chi infatti non ama il proprio fratello che vede, non può amare Dio che non vede”. L’amore di Dio, infatti, è indivisibile dall’amore per l’uomo. L’intera Scrittura è attraversata da questa convinzione che con Gesù tocca la sua massima ampiezza: si debbono amare non solo coloro che ci amano, ma persino i propri nemici. Allora l’amore raggiungerà la perfezione.


20/08/2012
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica