Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Gloria a Dio nel più alto dei cieli
e pace in terra agli uomini che egli ama

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 5,12-16

Un giorno Gesù si trovava in una città e un uomo coperto di lebbra lo vide e gli si gettò ai piedi pregandolo: "Signore, se vuoi, puoi sanarmi". Gesù stese la mano e lo toccò dicendo: "Lo voglio, sii risanato!". E subito la lebbra scomparve da lui. Gli ingiunse di non dirlo a nessuno: "Và, mostrati al sacerdote e fà l'offerta per la tua purificazione, come ha ordinato Mosè, perché serva di testimonianza per essi". La sua fama si diffondeva ancor più; folle numerose venivano per ascoltarlo e farsi guarire dalle loro infermità. Ma Gesù si ritirava in luoghi solitari a pregare.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.
Alleluia, alleluia, alleluia.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’evangelista Luca continua a presentarci la missione di Gesù. È il modo con cui ogni giorno possiamo vivere il nostro discepolato. Sì, ascoltare il Vangelo ogni giorno e accoglierlo nel cuore è il primo e fondamentale modo di essere discepoli. L’ascolto della pagina evangelica, infatti, non è come la lettura di un libro, fatta magari scorrendo un capitolo dopo l’altro. Quando leggiamo il Vangelo nel cuore accade l’incontro nostro con Gesù e con i suoi. È a dire che diventiamo contemporanei di Gesù, partecipi della scena evangelica che ascoltiamo con le nostre orecchie. Oggi, anche noi assieme a Gesù incontriamo quel lebbroso che si fa largo tra la folla e, incurante dei divieti della legge, si getta ai piedi di quel giovane profeta. Quale esempio per noi che tanto spesso restiamo distanti, lontani da Gesù, spesso con il corpo perché non partecipiamo alla Santa Liturgia, ma anche con la mente e il cuore visto che tanto facilmente ci dimentichiamo di Gesù e delle sue parole. Quel lebbroso, che voleva aiuto e conforto, supera difficoltà oggettive e si prostra ai piedi di Gesù. Del resto, aveva sentito che quell’uomo buono non allontanava nessuno e su tutti si chinava con amore. In effetti, anche Gesù, vincendo regole e tradizioni – e vengono in mente le barriere che noi poniamo con gli stranieri, gli zingari, i malati -, quando vede il lebbroso non solo non lo allontana, ma lo “tocca con la mano”. È un gesto che sconfigge la barriera che separa il sano dal lebbroso, e che soprattutto supera ogni paura. Quella mano che si stende non è un furtivo gesto di coraggio, è piuttosto la garanzia di una vicinanza di un amore che continua. Si può dire che è il riflesso dell’amore che Gesù ha per il Padre. Così fece Francesco d’Assisi quando scese da cavallo e baciò il lebbroso: “Quel che prima pareva ripugnante, dopo mi parve dolce”, scrive nel testamento poco prima di morire ricordando questo episodio. La folla accorreva per stare accanto a Gesù e ascoltare la sua parola. Ma Gesù non si fermava a godersi l’onore; si ritirava a pregare. Sapeva che dal Padre gli veniva ogni forza. Se è così per Gesù, quanto più per noi! La sua nascita è un invito a fargli spazio nella nostra vita, perché la sua presenza porti frutti buoni di conversione e vita buona.


11/01/2013
Preghiera del tempo di Natale


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri