Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di sant’Antonio abate. Seguì il Signore nel deserto egiziano e fu padre di molti monaci. Giornata di riflessione sui rapporti tra ebraismo e cristianesimo.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Romani 7,1-13

O forse ignorate, fratelli - parlo a gente esperta di legge - che la legge ha potere sull'uomo solo per il tempo in cui egli vive? La donna sposata, infatti, è legata dalla legge al marito finché egli vive; ma se il marito muore, è libera dalla legge che la lega al marito. Essa sarà dunque chiamata adultera se, mentre vive il marito, passa a un altro uomo, ma se il marito muore, essa è libera dalla legge e non è più adultera se passa a un altro uomo. Alla stessa maniera, fratelli miei, anche voi, mediante il corpo di Cristo, siete stati messi a morte quanto alla legge, per appartenere ad un altro, cioè a colui che fu risuscitato dai morti, affinchè noi portiamo frutti per Dio. Quando infatti eravamo nella carne, le passioni peccaminose, stimolate dalla legge, si scatenavano nelle nostre membra al fine di portare frutti per la morte. Ora però siamo stati liberati dalla legge, essendo morti a ciò che ci teneva prigionieri, per servire nel regime nuovo dello Spirito e non nel regime vecchio della lettera.

Che diremo dunque? Che la legge è peccato? No certamente! Però io non ho conosciuto il peccato se non per la legge, né avrei conosciuto la concupiscenza, se la legge non avesse detto: Non desiderare. Prendendo pertanto occasione da questo comandamento, il peccato scatenò in me ogni sorta di desideri. Senza la legge infatti il peccato è morto e io un tempo vivevo senza la legge. Ma, sopraggiunto quel comandamento, il peccato ha preso vita e io sono morto; la legge, che doveva servire per la vita, è divenuta per me motivo di morte. Il peccato infatti, prendendo occasione dal comandamento, mi ha sedotto e per mezzo di esso mi ha dato la morte. Così la legge è santa e santo e giusto e buono è il comandamento. Ciò che è bene è allora diventato morte per me? No davvero! E' invece il peccato: esso per rivelarsi peccato mi ha dato la morte servendosi di ciò che è bene, perché il peccato apparisse oltre misura peccaminoso per mezzo del comandamento.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

L’apostolo sottolinea la libertà del cristiano rispetto alla legge. Vi insiste perché è facile dimenticare da quale abisso di tristezza siamo stati liberati. Fa bene pertanto l’apostolo ad esortarci perché ricordiamo la nostra condizione passata, quando il peccato dominava su di noi rendendo amara e triste la nostra vita e quella di chi ci stava accanto. L’uomo carnale, quello non rianimato dallo Spirito, è rinchiuso nel proprio egocentrismo e quindi incapace di guardare oltre se stesso e di vivere una vita bella e dignitosa. L’autoreferenzialità (o filautìa, l’amore per se stessi, come dicevano i santi Padri) incatena l’uomo al peccato e all’idolatria del proprio io. La legge ha avuto il compito di svelare questo peccato e Paolo lo spiega prendendo ad esempio l’adulterio: la donna diventa adultera se va con un altro mentre il marito è in vita, ma dopo la morte è libera dal vincolo. Ebbene, allo stesso modo, dice Paolo, il credente è libero dall’osservanza della legge a motivo della morte di Cristo. La salvezza infatti viene da Dio che dona il suo Spirito all’uomo perché viva secondo il Vangelo e non più secondo i desideri terreni e carnali. Colui che accoglie Cristo viene liberato dall’obbedienza della legge e dalla schiavitù della carne per essere un uomo nuovo, sostenuto dalla forza di Dio. Paolo mostra come la legge è santa poiché mostra dove è il peccato ed è quest’ultimo che “diventa morte”. Il cristiano, unito al Signore, sa come distinguere il peccato che vorrebbe agire in lui tramite la tentazione della filautìa. Essa è quasi il nome proprio del peccato.


17/01/2013
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri