Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Festa della presentazione di Gesù al tempio. Ricordo dei due anziani, Simeone e Anna, che aspettavano con fede il Signore. Preghiera per gli anziani. Memoria del centurione Cornelio, primo pagano convertito e battezzato da Pietro.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 2,22-40

Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto nella Legge del Signore: ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore.

Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, lo prese tra le braccia e benedisse Dio:

"Ora lascia, o Signore, che il tuo servo
vada in pace secondo la tua parola;
perché i miei occhi han visto la tua salvezza,
preparata da te davanti a tutti i popoli,
luce per illuminare le genti
e gloria del tuo popolo Israele".

Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: "Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima".

C'era anche una profetessa, Anna, figlia di Fanuèle, della tribù di Aser. Era molto avanzata in età, aveva vissuto col marito sette anni dal tempo in cui era ragazza, era poi rimasta vedova e ora aveva ottantaquattro anni. Non si allontanava mai dal tempio, servendo Dio notte e giorno con digiuni e preghiere. Sopraggiunta in quel momento, si mise anche lei a lodare Dio e parlava del bambino a quanti aspettavano la redenzione di Gerusalemme.

Quando ebbero tutto compiuto secondo la legge del Signore, fecero ritorno in Galilea, alla loro città di Nazaret. Il bambino cresceva e si fortificava, pieno di sapienza, e la grazia di Dio era sopra di lui.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Oggi tutte le Chiese cristiane celebrano la presentazione di Gesù al tempio. Il Vangelo di Luca si collega alla legge mosaica secondo la quale la madre, quaranta giorni dopo la nascita del primogenito, doveva presentare il bambino al tempio. Qui doveva offrire in sacrificio al Signore, per la sua purificazione, un agnello oppure una coppia di colombe. La consacrazione del primogenito (come di ogni primizia) ricordava a tutto il popolo d’Israele il primato di Dio sulla vita e sull’intera creazione. Maria e Giuseppe, obbedienti alla legge di Mosè, fecero quanto era prescritto e portarono Gesù nel tempio per consacrarlo al Signore. Erano poveri e, non potendo acquistare l’agnello per il sacrificio, offrirono una coppia di colombe: in realtà donavano il “vero Agnello” per la salvezza del mondo. La festa della Presentazione è tra quelle – poche in verità – celebrate assieme dalle Chiese d’Oriente e d’Occidente.
Di essa si ha memoria già nei primi secoli a Gerusalemme (era chiamata il “Solenne incontro”). Una processione per le strade della città ricordava il viaggio della Santa Famiglia da Betlemme a Gerusalemme con Gesù appena nato. Ancora oggi la santa liturgia prevede la processione, cui si è aggiunta, dal X secolo, anche la benedizione delle candele, che ha dato il nome popolare di “Candelora” a questa festa. La luce che viene consegnata nelle nostre mani ci unisce a Simeone e Anna che accolgono il bambino “luce che illumina le genti”, come canta la liturgia riprendendo le parole del profeta Isaia nei capitoli 42 e 49 sul Servo del Signore. Simeone, uomo giusto e timorato di Dio che “sospirava” il conforto d’Israele, sente il calore di quel fuoco che stava per ricevere: “Mosso dallo Spirito, si recò al tempio... lo accolse tra le braccia e benedisse Dio”. Come prima fecero Maria e Giuseppe, anche Simeone prende il bambino con sé ed è riempito di una consolazione senza limiti tanto che dal suo cuore salì una tra le preghiere più belle: “Ora puoi lasciare, o Signore, che il tuo servo vada in pace... perché i miei occhi han visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per rivelarti alle genti” (Lc 2,29-32). Era anziano Simeone, come pure la profetessa Anna (il Vangelo ne precisa l’età, ottantaquattro anni). In essi sono rappresentati tutto Israele e l’umanità intera che attende la “redenzione “, ma possiamo vedervi oggi anche le persone avanti negli anni, tutti gli anziani.
Ebbene, Simeone e Anna sono l’esempio di bella vecchiaia. È sempre più facile nella nostra società scorgere anziani, uomini e donne, che ormai pensano con tristezza e rassegnazione al loro futuro con l’unica consolazione, quando è possibile, di rimpiangere la passata giovinezza. Il Vangelo di oggi sembra dire a voce alta – ed è giusto gridarlo in questa nostra società fattasi particolarmente crudele verso gli anziani – che il tempo della vecchiaia non è un naufragio, una disgrazia, una iattura, un tempo più da subire tristemente che da vivere con speranza. Simeone e Anna sembrano uscire da questo affollato coro di gente triste e angosciata e dire a tutti: “È bello essere anziani! Sì, la vecchiaia si può vivere con pienezza e con gioia”. Questo loro canto è inconcepibile e incomprensibile in una società ove quel che solo conta è la forza e la ricchezza, sebbene proprio di qui nascano le violenze e le crudeltà della vita.
Oggi, Simeone e Anna ci vengono incontro: sono essi che annunciano il Vangelo, la buona notizia all’intera nostra società. Essi non chiusero gli occhi sulla loro debolezza, sull’affievolirsi delle forze. In quel bambino trovarono una nuova compagnia, una nuova energia, un senso in più per la loro stessa vecchiaia. Simeone, dopo aver preso tra le sue braccia il bambino, poté cantare il Nunc dimittis non con la tristezza di chi aveva sprecato la vita e non sapeva cosa sarebbe accaduto di lui e Anna, l’anziana, da quell’incontro ricevette nuova energia e nuova forza per “lodare Dio e parlare del bambino” a chiunque incontrava.


02/02/2013
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
12
lunedì 12 dicembre
Preghiera per i poveri
DIC
13
martedì 13 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
14
mercoledì 14 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
15
giovedì 15 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
16
venerdì 16 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
17
sabato 17 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
18
domenica 18 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri