Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla seconda lettera di Paolo ai Corinzi 4,1-6

Perciò, investiti di questo ministero per la misericordia che ci è stata usata, non ci perdiamo d'animo; al contrario, rifiutando le dissimulazioni vergognose, senza comportarci con astuzia né falsificando la parola di Dio, ma annunziando apertamente la verità, ci presentiamo davanti a ogni coscienza, al cospetto di Dio.

E se il nostro vangelo rimane velato, lo è per coloro che si perdono, ai quali il dio di questo mondo ha accecato la mente incredula, perché non vedano lo splendore del glorioso vangelo di Cristo che è immagine di Dio. Noi infatti non predichiamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore; quanto a noi, siamo i vostri servitori per amore di Gesù. E Dio che disse: Rifulga la luce dalle tenebre, rifulse nei nostri cuori, per far risplendere la conoscenza della gloria divina che rifulge sul volto di Cristo.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Di nuovo Paolo ritorna sul ministero che gli è stato affidato. È ben consapevole di essere stato scelto della misericordia di Dio per comunicare agli uomini il Vangelo. Non è un ministro del Vangelo per opera sua, o per sua scelta, ma perché chiamato dall’alto. Per questo non ha timore di rivendicare la sincerità del suo annuncio e di ricordare la franchezza con la quale egli lo ha fatto senza falsificarne il contenuto e senza attutirne la forza. Nella prima Lettera ai Tessalonicesi scrive: “E il nostro appello non è stato mosso da volontà di inganno, né da torbidi motivi, né abbiamo usato frode alcuna… Mai infatti abbiamo pronunziato parole di adulazione, come sapete, né avuto pensieri di cupidigia: Dio ne è testimone” (1 Ts 2,3.5). È vero però che a Corinto c’è chi non pensa con sincerità. Già alla fine del capitolo terzo, Paolo aveva accennato a coloro che mercanteggiavano la Parola di Dio; ora parla addirittura di una possibile falsificazione. Non basta ovviamente appartenere alla Chiesa, o alla comunità, per essere immuni dall’orgoglio, dall’invidia e dalla critica. Sono questi istinti che “velano” lo sguardo e non fanno vedere il Vangelo nella sua chiarezza. Anche Gesù aveva detto: “Se l’occhio…”. Solo se volgiamo gli occhi del cuore verso Gesù potremo comprendere il mistero di Dio e gustarne la sua forza. Nello stesso senso Gesù aveva detto: “Chi ha visto me, ha visto il Padre” (Gv 14,9). E Paolo rivendica la sua predicazione sulla centralità di Gesù per la vita della comunità: “Noi infatti non predichiamo noi stessi, ma Cristo Gesù Signore” (v. 5). E lui si presenta come loro “servo” per amore di Gesù, quel Gesù che gli è apparso glorioso, pieno di luce tanto da accecarlo, sulla via di Damasco.


10/04/2013
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica