Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di sant’Atanasio, vescovo di Alessandria (295-373), dottore della Chiesa.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Filippesi 1,27-30

Soltanto però comportatevi da cittadini degni del vangelo, perché nel caso che io venga e vi veda o che di lontano senta parlare di voi, sappia che state saldi in un solo spirito e che combattete unanimi per la fede del vangelo, senza lasciarvi intimidire in nulla dagli avversari. Questo è per loro un presagio di perdizione, per voi invece di salvezza, e ciò da parte di Dio; perché a voi è stata concessa la grazia non solo di credere in Cristo; ma anche di soffrire per lui, sostenendo la stessa lotta che mi avete veduto sostenere e che ora sentite dire che io sostengo.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo è consapevole che il male presente nel mondo può intimidire i discepoli del Signore. Lui stesso ne ha sperimentato la violenza in passato e continua ad esperimentarla mentre sta scrivendo questa lettera: è rinchiuso in carcere. Esorta però i cristiani di Filippi a non lasciarsi intimidire dalle difficoltà e neppure da coloro che vogliono ostacolare il cammino della comunità dei credenti. Scrive loro: comportatevi “da cittadini degni del Vangelo”. I discepoli di Gesù, infatti, sono ormai “concittadini dei santi e familiari di Dio” (Ef 2,19). L’apostolo vuol dire che è il “noi” della famiglia di Dio a rendere i discepoli di Gesù saldi nel Vangelo. Non si è mai discepoli da soli: la fede in Gesù non è mai un’impressa individuale. L’incontro con Gesù avviene all’interno della comunità dei discepoli e comunque inserisce in essa. Ed è la comunione nella fede che dona la forza ai discepoli di comunicare il Vangelo al mondo. Tale impegno, aggiunge l’apostolo, è lotta e sofferenza. È stato così per Gesù, lo è per Paolo e lo sarà anche per i discepoli di ogni tempo. Una certezza però abita il cuore dei credenti: Dio non abbandona i suoi figli. Convinto della lotta che il cristiano deve combattere nel corso della sua esistenza terrena, l’apostolo scrive ai cristiani di Efeso: “Prendete perciò l’armatura di Dio, perché possiate resistere nel giorno malvagio e restare in piedi dopo aver superato tutte le prove” (6,13). Nel rivestire l’armatura dell’amore e dello “zelo per propagare il Vangelo” (Ef 6,15) troveremo la gioia della compagnia di Dio e dei fratelli, anche se – come Paolo ribadisce in questa pagina – non mancheranno le difficoltà.


02/05/2013
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica