Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal primo libro dei Maccabei 11,54-74

Dopo questi fatti, Trifone ritornò con Antioco ancora adolescente, il quale cominciò a regnare e cinse la corona. Si raccolsero presso di lui tutte le milizie che Demetrio aveva licenziate e mossero guerra contro di lui ed egli fuggì e rimase sconfitto. Trifone catturò gli elefanti e si impadronì di Antiochia. Allora il giovinetto Antioco scrisse a Giònata: "Ti confermo il sommo sacerdozio, ti faccio capo dei quattro distretti e ti concedo di essere tra gli amici del re". Gli inviò vasi d'oro e un servizio da tavola con la facoltà di bere in quei vasi, di vestire la porpora e portare la fibbia d'oro. Nominò anche Simone suo fratello comandante dalla Scala di Tiro fino ai confini dell'Egitto. Giònata si diede a percorrere la provincia dell'Oltrefiume e le varie città e accorse a lui, come alleato, tutto l'esercito della Siria. Andò ad Ascalòna e i cittadini gli uscirono incontro a rendergli omaggio. Di là passò a Gaza, ma gli abitanti di Gaza gli chiusero le porte; egli la cinse d'assedio e incendiò i sobborghi e li mise a sacco. Allora quelli di Gaza supplicarono Giònata, il quale diede loro la destra, prelevando i figli dei loro capi come ostaggi e inviandoli a Gerusalemme; poi percorse la regione fino a Damasco. Giònata venne a sapere che i capi di Demetrio si trovavano presso Cades in Galilea con un numeroso esercito e con l'intenzione di distorglielo dall'impresa. Egli si mosse contro di loro, lasciando il fratello Simone nel paese. Simone si accampò contro Bet-Zur e l'assalì per molti giorni assediandola. Allora supplicarono che desse loro la destra ed egli la diede, ma li fece sloggiare di là, occupò la città e vi pose una guarnigione. Giònata a sua volta e il suo esercito si erano accampati presso il lago di Gennesaret e raggiunsero di buon mattino la pianura di Casòr. Ed ecco l'esercito degli stranieri avanzare contro di lui nella pianura, dopo aver disposto appostamenti contro di lui sui monti. Essi avanzavano di fronte quando gli appostati sbucarono dalle loro posizioni e attaccarono battaglia. Tutti gli uomini di Giònata fuggirono, nessuno di loro rimase se non Mattatia figlio di Assalonne e Giuda figlio di Calfi, comandanti di contingenti dell'esercito. Allora Giònata si stracciò le vesti, si cosparse il capo di polvere e si prostrò a pregare. Poi ritornò a combattere contro di loro, li sconfisse e li costrinse alla fuga. I suoi che erano fuggiti, quando videro ciò, ritornarono a lui e con lui si diedero all'inseguimento fino a Cades dov'era il loro accampamento e là anch'essi si accamparono. Gli stranieri caduti in quel giorno furono circa tremila. Giònata tornò poi in Gerusalemme.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Deluso da Demetrio, Gionata passò dalla parte di Trifone e iniziò a servire il nuovo re Antioco VI con la stessa fedeltà che aveva mostrato verso il padre Alessandro. Antioco a sua volta, dopo essersi impadronito di Antiochia, confermò Gionata nel sommo sacerdozio e nei suoi ranghi precedenti di “amico” e “parente” (i doni stanno a significare questa sua seconda posizione). E inoltre lo ricostituì “governatore” sui quattro distretti: Efraim, Lidda, Ramataim e forse Acrabattene. Simone fu nominato generale (strategós) per il territorio che si estende lungo la costa del mare, dalla Scala di Tiro fino al confine con l’Egitto, a Rafia. Gionata, forte del riconoscimento avuto da Seleucio IV, percorse tutta la regione “oltre il fiume”, ossia a ovest dell’Eufrate, eliminando i focolai ribelli e raccogliendo truppe per Trifone in vista dello scontro imminente; incontrò solo una temporanea resistenza a Gaza. Demetrio comprese bene il pericolo che rappresentava il rafforzamento di Gionata. Inviò i suoi generali in Galilea per persuaderlo non tanto ad abbandonare il disegno di ridurre tutta la regione al di qua dell’Eufrate sotto il dominio di Antioco IV, quanto per costringerlo a desistere da ogni impresa militare e, se possibile, eliminarlo. Gionata affidò al fratello il comando della “regione” della Galilea mentre lui con i suoi soldati si muoveva alla volta della Galilea. Demetrio si era stabilito a Seleucia Marittima, da dove controllava la Cilicia, la Mesopotamia e le città costiere di Tiro, Sidone e Gaza. Nell’estate del l44 Demetrio inviò un contingente di soldati contro Gionata a Cades in Galilea, deciso a distruggere la potenza dello stesso Gionata. Lasciando al fratello Simone il compito di riconquistare e presidiare Bet-Zur, Gionata si accampò vicino al lago di Genesaret. E diede battaglia nella pianura di Casor. Gionata cadde in un’imboscata e i soldati, presi dal panico, fuggirono. A questo punto Gionata, preso dalla disperazione, prega il Signore. Ed è a questo punto che avviene la svolta: “Allora Gionata si stracciò le vesti, si cosparse il capo di polvere e si prostrò a pregare” (71). Finalmente affidò al Signore se stesso e le sorti del suo popolo. Il gesto di stracciarsi le vesti apparteneva al sommo sacerdote in quanto rappresentante di tutto il popolo. E avvenne il miracolo: “Poi ritornò a combattere contro di loro, li sconfisse e li costrinse alla fuga” (72). “Poi”, scrive l’autore sacro, ossia dopo la preghiera e il pentimento avviene il dono della vittoria sul nemico. La coscienza del proprio peccato aiuta il credente a rivolgersi a Dio con fiducia e ad ottenere il suo aiuto.


16/11/2013
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica