Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal vangelo di Matteo 7,7-12

Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete; bussate e vi sarà aperto; perché chiunque chiede riceve, e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto. Chi tra di voi al figlio che gli chiede un pane darà una pietra? O se gli chiede un pesce, darà una serpe? Se voi dunque che siete cattivi sapete dare cose buone ai vostri figli, quanto più il Padre vostro che è nei cieli darà cose buone a quelli che gliele domandano!

Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro: questa infatti è la Legge ed i Profeti.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Gesù, dopo averci donato il “Padre nostro”, torna ad insistere sulla efficacia della preghiera. E lo fa in maniera molto chiara: “Chiedete e vi sarà dato”. Gesù sa bene che è facile lasciarci deviare dal dubbio e dall’incertezza. E ci esorta a non dubitare del Signore e del suo amore. Siamo suoi figli ed egli come un padre è attento alla nostra preghiera. C’è una forza della preghiera che siamo tutti chiamati a riscoprire in una società del fare e dell’agire, in cui trionfa la parte di Marta, ma ben meno quella di Maria, che è la parte migliore che non ci viene mai tolta. Per farci comprendere bene questo insegnamento Gesù lo esemplifica con una immagine facilmente comprensibile: può un padre essere sordo all’invocazione dei figli? Ma, vedendo forse lo sguardo ancora incredulo dei discepoli, Gesù insiste ancora perché ogni incertezza sia allontanata: “Chiunque chiede riceve e chi cerca trova”. Questa convinzione – è importante notarlo – non si basa sulla qualità della nostra preghiera (ovviamente necessaria), bensì sulla bontà e sulla misericordia senza limiti di Dio. Gesù continua a presentare Dio come un padre affettuoso che, ovviamente, non può che dare cose buone ai suoi figli. Avverte: se i padri della terra non danno pietre al posto del pane, quanto più il Padre celeste – davvero buono! – curerà e proteggerà i suoi figli. Il brano evangelico si chiude con una norma – chiamata “regola d’oro” – presente anche in altre tradizioni religiose: “Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Questa infatti è la Legge e i Profeti”. Queste parole, vissute da Gesù, acquistano la novità di un amore che non ha nessun limite: egli ci ha donato il suo amore senza pretendere alcun contraccambio da parte nostra. È la regola d’oro della vita di ogni giorno. Basta pensare a quanto noi pretendiamo dagli altri in attenzione, amore, considerazione, e altro. Se ognuno di noi si impegnasse ogni giorno a dare al prossimo quanto pretende e vorrebbe dagli altri per sé, renderebbe la vita più bella e meno dominata da quell’egoismo sempre pronto a chiedere, ma così poco a dare. Se pensassimo poi a quanto il Signore ci dona al di là dei nostri meriti, allora impareremmo il grande valore della gratuità dell’amore, così peculiare della vita cristiana.


13/03/2014
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica