Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

La Chiesa armena fa memoria oggi della strage patita durante la prima guerra mondiale, in cui fu ucciso oltre un milione di armeni.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Cristo è risorto dai morti e non muore più !
Egli ci attende in Galilea !

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 24,35-48

Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane.

Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: "Pace a voi!". Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma. Ma egli disse: "Perché siete turbati, e perché sorgono dubbi nel vostro cuore? Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho". Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. Ma poiché per la grande gioia ancora non credevano ed erano stupefatti, disse: "Avete qui qualche cosa da mangiare?". Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

Poi disse: "Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè, nei Profeti e nei Salmi". Allora aprì loro la mente all'intelligenza delle Scritture e disse: "Così sta scritto: il Cristo dovrà patire e risuscitare dai morti il terzo giorno e nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati, cominciando da Gerusalemme. Di questo voi siete testimoni.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Cristo è risorto dai morti e non muore più !
Egli ci attende in Galilea !

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Vangelo della Messa di oggi ci porta al termine del giorno di Pasqua. I due discepoli di Emmaus sono appena giunti nel cenacolo per raccontare ai discepoli quanto “era accaduto lungo la via e come l’avevano riconosciuto nello spezzare il pane”. Gli apostoli, infatti, ancora presi dalla paura, rimanevano chiusi nel cenacolo. Per loro era un luogo pieno di ricordi, senza dubbio, però rischiava di rimanere un luogo, certo protettivo, ma chiuso. È una tentazione che tutti conosciamo molto bene: quante volte, infatti, chiudiamo le porte del cuore, quelle della casa, quelle del gruppo, della comunità, della famiglia, per restare tranquilli o per timore di perdere qualcosa! Ma il Risorto continua ad essere tra noi, anzi a mettersi nel centro, non da un lato come una persona tra le tante, come una parola tra le altre. Entra e si mette in mezzo, come la Parola che salva, che libera da ogni chiusura. Le prime parole di Gesù da risorto sono il saluto di pace: “Pace a voi!”. I discepoli, presi dalla paura e dalla rassegnazione, pensano che sia un fantasma. Avevano ascoltato le donne che gli avevano detto di aver incontrato Gesù, vivo. Ma la distanza che avevano posto tra loro e Gesù già nei giorni della passione, aveva offuscato a tal punto la loro mente e indurito così fortemente il loro cuore, che non riuscivano ad andare oltre le loro paure. L’evangelista sembra suggerire che l’incredulità coglie sempre i credenti ogni qual volta si allontanano da Gesù e si lasciano prendere dalle paure per loro stessi. Gesù, giunto nel mezzo, dice subito loro: “Pace a voi!”. È la prima parola del Risorto. Sì, il primo frutto della resurrezione è la pace. Certo, non la pace della propria tranquillità ma quella che nasce dall’amore per gli altri. La pace della Pasqua non blocca, spinge invece e con forza ad uscire da se stessi per andare incontro agli altri. La pace pasquale è un’energia nuova di amore che investe il mondo. La Pasqua anche se vissuta da un piccolo gruppo, anzi all’inizio solo da alcune donne, è per tutti, è per il mondo. Agli apostoli questo sembra impossibile. Gesù è definitivamente morto, la sua parola è stata uccisa per sempre. Non credono a quanto egli stesso aveva detto loro più volte, ossia che dopo la morte sarebbe risorto. Sono impauriti al vederlo. Pensano che sia apparso loro un fantasma. Gesù li rimprovera amorevolmente: “Perché siete turbati?”. E ripete quel che tante volte aveva detto loro in passato: i nemici lo avrebbero messo a morte, e lui sarebbe risorto. Quante volte anche noi siamo scettici di fronte alle parole di Gesù! Non di rado pensiamo che siano velleitarie, appunto come un fantasma. Il Vangelo invece crea una realtà nuova, una comunità nuova, reale, fatta di persone che prima erano disperse e impaurite e dopo aver ascoltato si ritrovano assieme in una nuova fraternità. È quel che accadde anche quel giorno con Gesù che si mise a mangiare con loro: continuava la vita di prima della Pasqua. Quel pranzo li riuniva a Gesù. Ora apprendevano che sarebbe stato per sempre con loro. È quel che accade anche a noi, e ai discepoli di tutti i tempi, ogni volta che siamo attorno all’altare del Signore per spezzare il suo stesso corpo.


24/04/2014
Preghiera della Pasqua


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri