Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 6,22-29

Il giorno dopo, la folla, rimasta dall'altra parte del mare, notò che c'era una barca sola e che Gesù non era salito con i suoi discepoli sulla barca, ma soltanto i suoi discepoli erano partiti. Altre barche erano giunte nel frattempo da Tiberìade, presso il luogo dove avevano mangiato il pane dopo che il Signore aveva reso grazie. Quando dunque la folla vide che Gesù non era più là e nemmeno i suoi discepoli, salì sulle barche e si diresse alla volta di Cafarnao alla ricerca di Gesù. Trovatolo di là dal mare, gli dissero: "Rabbì, quando sei venuto qua?".

Gesù rispose: "In verità, in verità vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna, e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo". Gli dissero allora: "Che cosa dobbiamo fare per compiere le opere di Dio?". Gesù rispose: "Questa è l'opera di Dio: credere in colui che egli ha mandato".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dopo la moltiplicazione dei pani, la folla, rimasta sull’altra riva del mare, avendo visto che non c’erano più né Gesù né i discepoli, salì su altre barche venute da Tiberiade, che si trovava vicino al luogo dove avevano mangiato il pane miracolosamente moltiplicato, e venne a Cafarnao per cercare Gesù. Lo trovarono “al di là del mare”, nota l’evangelista. Gesù infatti non stava dove essi lo cercavano. Non era il “re” che essi volevano per soddisfare le loro aspirazioni, magari legittime e comprensibili. Già il profeta Isaia riportava le parole del Signore al suo popolo: “I miei pensieri non sono i vostri pensieri, le vostre vie non sono le mie vie” (55,8). La ricerca del Signore richiede di andare oltre se stessi e le proprie abitudini, anche quelle religiose. Quella folla doveva dunque andare oltre, molto oltre, davvero “al di là del mare”, di quel che pensavano. Non avevano compreso il senso profondo della moltiplicazione dei pani. Infatti, quando giungono a Gesù, risentiti come se li avesse abbandonati, gli chiedono: “Quando sei venuto qua?”, ed egli risponde smascherando la comprensione egocentrica del miracolo dei pani: “Voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati”. In effetti, non avevano compreso il “segno”, ossia il significato spirituale di quel miracolo che Gesù aveva compiuto. I miracoli infatti non erano semplicemente la manifestazione della potenza di Gesù; erano piuttosto dei “segni” che indicavano il nuovo regno che egli era venuto ad instaurare sulla terra. Quei segni chiedevano la conversione del cuore per chi li riceveva e per chi li vedeva, ossia la scelta di essere con Gesù, di seguirlo e di partecipare con lui all’opera di trasformazione del mondo che quei “segni” già indicavano. Gesù, come il buon pastore che conduce il suo gregge, spiega a quella folla il senso del miracolo a cui avevano assistito. E dice loro: “Datevi da fare non per il cibo che non dura, ma per il cibo che rimane per la vita eterna e che il Figlio dell’uomo vi darà”. In altre parole: “superate l’angusto orizzonte della sazietà per voi stessi e cercate il cibo che non perisce”, quel cibo che sfama per sempre. Nel Vangelo di Luca Gesù dice ai discepoli: “Non cercate perciò che cosa mangerete e berrete, e non state con l’animo in ansia; di tutte queste cose si preoccupa la gente del mondo; ma il Padre vostro sa che ne avete bisogno. Cercate piuttosto il Regno di Dio, e queste cose vi saranno date in aggiunta” (Lc 12,29-31). Il pane che viene dal cielo è Gesù stesso, lui è il Regno, la giustizia, l’amore senza limiti che il Padre ha donato agli uomini. Accogliere questo dono con tutto il cuore e farne il cibo quotidiano è l’“opera” che il credente è chiamato a compiere. Non è un sentimento vago, è una vera e propria “opera”, che richiede scelta, decisione, impegno, lavoro, fatica e soprattutto coinvolgimento appassionato e totale. E quindi una grande gioia. Nessuno può delegare ad altri questa “opera”. Diventare discepoli di Gesù significa lasciare che il Vangelo plasmi la nostra vita, la nostra mente, il nostro cuore, fino a diventare uomini e donne spirituali. Mentre ascoltiamo la Parola di Dio e ci impegniamo a seguirla vediamo affinarsi i nostri occhi e Gesù ci appare come il vero pane disceso dal cielo che ci nutre il cuore e ci sostiene nella vita.


05/05/2014
Preghiera per i malati


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica