Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Matteo 23,13-22

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare.
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo prosèlito e, quando lo è divenuto, lo rendete degno della Geènna due volte più di voi.
Guai a voi, guide cieche, che dite: "Se uno giura per il tempio, non conta nulla; se invece uno giura per l'oro del tempio, resta obbligato". Stolti e ciechi! Che cosa è più grande: l'oro o il tempio che rende sacro l'oro? E dite ancora: "Se uno giura per l'altare, non conta nulla; se invece uno giura per l'offerta che vi sta sopra, resta obbligato". Ciechi! Che cosa è più grande: l'offerta o l'altare che rende sacra l'offerta? Ebbene, chi giura per l'altare, giura per l'altare e per quanto vi sta sopra; e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che lo abita. E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo Vangelo è un ammonimento severo verso i farisei, di allora e di oggi. Gesù non è accondiscendente verso tutti, così come una mentalità pigra e povera di amore pensa necessario, per lasciare ognuno solo con se stesso. Gesù rivolge parole forti ai farisei per aiutarli a comprendere la loro condizione, svelando loro quello che vivono per davvero. L’ammonimento verso i farisei aiuta anche i discepoli che spesso provavano ammirazione per la loro sicurezza. “Guai a voi” non è una minaccia, ma cercare di fare comprendere le conseguenze dei loro atteggiamenti. Attenzione a come vivete, sarebbe. Gesù è molto diverso dai maestri del suo e di ogni tempo, che ammonivano, stigmatizzavano, condannavano, giudicavano con rigore e intransigenza, maestri che sanno riconoscere la pagliuzza e caricano sugli altri pesi insopportabili che loro stessi non volevano sollevare nemmeno con un dito. Essi certificano il peccato con le loro sentenze, ma non sanno e non vogliono aiutare a cambiare, non hanno interesse che questo avvenga! I farisei di ogni tempo e generazione amano la legge non l’uomo, perché questo scombina i nostri calcoli, chiede misericordia e non sacrifici, coinvolge nell’imprevedibile legame dell’amore e di un destino unico. Gesù rivolge parole dure ai giusti nella speranza di aiutarli finalmente a vedere e sentire. “Guai a voi” è l’estremo tentativo per rendere consapevole, chi, al contrario, diffida, si chiude, pensa che il male sia fuori di sé. Dovremmo prendere sul serio queste ammonizioni così chiare di Gesù e soprattutto comprenderle come l’estremo tentativo di farci rientrare in noi stessi! E dobbiamo anche aiutarlo a toccare il cuore di chi si crede giusto, a posto, perché ha le mani pulite anche se, come i sepolcri imbiancati, nasconde la morte dentro. I giusti si difendono, credono che il problema non siano loro ma Gesù. Eppure Gesù non si stanca di parlare loro proprio per liberarli dalla prigione della diffidenza, che li porta a credersi a posto perché occupano i primi posti, mentre sono lontani dalla gioia vera. Gesù ammonisce come un fratello, un padre, un vero amico e non come un maestro che assegna i compiti o esamina l’alunno! Ci vuole liberi dal male. Solo un amore forte e appassionato sa riconoscere il male ed è capace di sciogliere da questo.


25/08/2014
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica