Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 10,25-37

Ed ecco, un dottore della Legge si alzò per metterlo alla prova e chiese: "Maestro, che cosa devo fare per ereditare la vita eterna?". Gesù gli disse: "Che cosa sta scritto nella Legge? Come leggi?". Costui rispose: "Amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua forza e con tutta la tua mente, e il tuo prossimo come te stesso". Gli disse: "Hai risposto bene; fa' questo e vivrai".
Ma quello, volendo giustificarsi, disse a Gesù: "E chi è mio prossimo?". Gesù riprese: "Un uomo scendeva da Gerusalemme a Gerico e cadde nelle mani dei briganti, che gli portarono via tutto, lo percossero a sangue e se ne andarono, lasciandolo mezzo morto. Per caso, un sacerdote scendeva per quella medesima strada e, quando lo vide, passò oltre. Anche un levita, giunto in quel luogo, vide e passò oltre. Invece un Samaritano, che era in viaggio, passandogli accanto, vide e ne ebbe compassione. Gli si fece vicino, gli fasciò le ferite, versandovi olio e vino; poi lo caricò sulla sua cavalcatura, lo portò in un albergo e si prese cura di lui. Il giorno seguente, tirò fuori due denari e li diede all'albergatore, dicendo: "Abbi cura di lui; ciò che spenderai in più, te lo pagherò al mio ritorno". Chi di questi tre ti sembra sia stato prossimo di colui che è caduto nelle mani dei briganti?". Quello rispose: "Chi ha avuto compassione di lui". Gesù gli disse: "Va' e anche tu fa' così".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questa parabola è tra le pagine più conosciute del Vangelo. Essa, particolarmente all’inizio di questo nuovo millennio, riassume bene la situazione di questo nostro mondo e assieme traccia chiaramente qual è la vocazione della comunità cristiana e di ogni singolo discepolo. Quell’uomo mezzo morto lasciato ai margini della strada rappresenta tutti i poveri (singole persone, e talora popoli interi) ancora oggi allontanati e abbandonati ai margini della vita. Si tratta di milioni e milioni di persone. Ebbene, il Vangelo ci insegna a vedere quell’uomo mezzo morto, abbandonato da tutti, come fratello del Signore e nostro amico. Sì, tutti i diseredati della terra, tutti i poveri, sono fratelli del Signore e fratelli e sorelle di ciascuno di noi. È un insegnamento per tutti i cristiani, ma sarebbe quanto mai opportuno che fosse ascoltato anche da chi ha responsabilità amministrative e politiche. Per noi cristiani, comunque, i poveri ben prima di essere un problema, sono nostri fratelli, nostri amici. E non si tratta di “buonismo”, come talora in tono dispregiativo si sente dire, ma di avere lo sguardo stesso di Dio che gli uomini fanno fatica ad imitare. Noi cristiani, spesso, ne siamo corresponsabili. Il Vangelo, attraverso l’esempio di quel samaritano, straniero per quell’uomo mezzo morto, ci esorta a scoprire non solo il valore morale ma anche profondamente umano e religioso della fraternità universale. Si tratta di sentire come membri della famiglia di Dio tutti i deboli e i poveri. Potremmo dire che essi sono nostri parenti, e come tali dovremmo trattarli. C’è in questo atteggiamento uno scardinamento radicale che parte da Dio stesso: Egli ha scelto i poveri come suoi figli prediletti, li ascolta, li protegge e li pone come intercessori per coloro che li aiutano. Gesù stesso si identifica in loro, come scrive il Vangelo di Matteo nel giudizio universale. C’è allora una sorta di identificazione tra il samaritano e l’uomo mezzo morto. Il samaritano è Gesù stesso; è lui che da Gerusalemme percorre le vie che conducono verso le tante Gerico di questo mondo. È lui che per primo si ferma e che esorta a fare altrettanto. E ogni qualvolta anche noi ci fermiamo, come fece quel samaritano, accanto ai poveri, ci troviamo faccia a faccia con Gesù, anche se all’inizio ha il volto solo di un abbandonato. Se non prima, certamente alla fine della vita, al momento del giudizio, vedremo nel volto di Gesù i tratti di quell’uomo abbandonato che abbiamo soccorso.


06/10/2014
Preghiera per i malati


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri