Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria della dedicazione della basilica di Santa Maria in Trastevere. In questa chiesa prega ogni sera la Comunità di Sant’Egidio.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Luca 18,1-8

Diceva loro una parabola sulla necessità di pregare sempre, senza stancarsi mai: "In una città viveva un giudice, che non temeva Dio né aveva riguardo per alcuno. In quella città c'era anche una vedova, che andava da lui e gli diceva: "Fammi giustizia contro il mio avversario". Per un po' di tempo egli non volle; ma poi disse tra sé: "Anche se non temo Dio e non ho riguardo per alcuno, dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi"". E il Signore soggiunse: "Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Vangelo di oggi riporta un tema molto caro a Luca: la preghiera. In verità, la preghiera aveva larga parte nella vita e nella giornata del pio israelita. Anche Gesù passava personalmente molto tempo a pregare. Per lui era un’esperienza unica, personalissima. Ma, come ogni maestro spirituale, doveva insegnare anche ai discepoli come pregare. La prima volta che l’evangelista riporta l’insegnamento di Gesù sulla preghiera è quando consegna loro il “Padre nostro” (11, 1-13). Ora – è la seconda volta che ne parla ai discepoli – sottolinea “la necessità di pregare sempre senza stancarsi mai”. Non solo essi debbono pregare “sempre”, ma debbono farlo “senza stancarsi mai”. Il pericolo di perdersi di coraggio, o di abbattersi di fronte a richieste che non vediamo essere esaudite, è un’esperienza tante volte comune. Gesù non vuole che i discepoli perdano la fiducia in Dio e nella sua pronta misericordia. Egli sperimenta personalmente la forza e l’efficacia della preghiera: sa che il Padre sempre lo ascolta. Lo dice esplicitamente davanti alla tomba dell’amico Lazzaro: “Padre ti rendo grazie perché mi hai ascoltato. Io sapevo che mi dai sempre ascolto” (Gv 1l,41-42). Ebbene, Gesù vuole che anche i discepoli abbiano questa sua certezza, questa sua fiducia nella preghiera. Il Padre, come ascolta lui, ascolta anche i discepoli. La preghiera, perciò, sembra dire Gesù, è sempre efficace; non debbono esserci dubbi. E per confortare questa affermazione narra la parabola di una povera vedova che chiede giustizia a un giudice. Costei, simbolo dell’impotenza dei deboli in una società come quella del tempo di Gesù, con la sua insistenza presso il giudice disonesto e duro di cuore, viene alla fine esaudita e ottiene giustizia. È una scena che colpisce per il suo realismo. Ma soprattutto è straordinario il suo significato applicato alla nostra preghiera al Padre che sta nei cieli. Se quel giudice così duro ha esaudito quella povera vedova, sembra dire Gesù, “quanto più ascolterà voi il Padre vostro dei cieli che non solo è giusto ma ha un cuore grande e misericordioso?” Il Vangelo vuole convincerci in ogni modo della forza e della potenza della preghiera: quando essa è insistente si potrebbe dire che obbliga Dio a intervenire. La preghiera è la prima opera che il discepolo è chiamato a compiere; potremmo dire è il primo lavoro che deve compiere, perché è con la preghiera che si attua l’intervento di Dio nella vita e nella storia. E, allora, come ogni lavoro, anche la preghiera richiede continuità e perseveranza. Sì, la preghiera non è un lavoro estemporaneo, una pratica da compiere ogni tanto. È la sua continuità che assicura l’intervento di Dio. Ed in effetti la forza più grande del cristiano è proprio nella preghiera. Di fronte a tale affermazione, Gesù si chiede con gravità: “Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?”. È una domanda che interroga in maniera grave i singoli discepoli e le comunità. Il Figlio dell’uomo continua a venire sulla terra, anche oggi. Che ne è della nostra preghiera? Beati noi se il Signore ci troverà vigilanti, ossia perseveranti nella preghiera.


15/11/2014
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri