Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera agli Ebrei 12,4-7.11-15

Non avete ancora resistito fino al sangue nella lotta contro il peccato e avete già dimenticato l'esortazione a voi rivolta come a figli:

Figlio mio, non disprezzare la correzione del Signore
e non ti perdere d'animo quando sei ripreso da lui;
perché il Signore corregge colui che egli ama
e percuote chiunque riconosce come figlio.

È per la vostra correzione che voi soffrite! Dio vi tratta come figli; e qual è il figlio che non viene corretto dal padre? Certo, sul momento, ogni correzione non sembra causa di gioia, ma di tristezza; dopo, però, arreca un frutto di pace e di giustizia a quelli che per suo mezzo sono stati addestrati.
Perciò, rinfrancate le mani inerti e le ginocchia fiacche e camminate diritti con i vostri piedi,perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire.
Cercate la pace con tutti e la santificazione, senza la quale nessuno vedrà mai il Signore; vigilate perché nessuno si privi della grazia di Dio. Non spunti né cresca in mezzo a voi alcuna radice velenosa, che provochi danni e molti ne siano contagiati.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

La Lettera – come abbiamo già visto – tiene presente una comunità che forse sta cedendo alle difficoltà e alle opposizioni. Ed esorta a pensare che le sofferenze causate dalla sequela del Vangelo non sono una condanna; al contrario, sono il segno della correzione del Padre per essere purificati. Il discepolato comporta sempre l'asprezza dell'educazione e quindi l'intervento del Signore per cambiare il cuore e i comportamenti. È in tale orizzonte che va intesa anche la correzione fraterna: un'arte difficile e tuttavia necessaria, anche se troppo spesso disattesa. Essa, infatti, richiede responsabilità da chi deve esercitarla e induce amarezza in chi deve riceverla. Ma è dalla fatica dell'educazione e dal momentaneo dispiacere per la correzione che maturano la serenità e la pace. La correzione è segno di amore perché espressione del Padre che corregge i suoi figli. Non fossimo corretti, non avverrebbe nessun cambiamento nella nostra vita. Perciò l'autore chiede alla comunità cristiana, che rischiava di indebolirsi nella fede, di riprendere il vigore evangelico: "rinfrancate le mani incerte e le ginocchia fiacche, e camminate diritti con i vostri piedi, perché il piede che zoppica non abbia a storpiarsi, ma piuttosto a guarire" (12,12). È un'esortazione che richiama l'indispensabilità dell'educazione nella vita dei discepoli. La sequela del Signore, infatti, richiede che ciascun discepolo cambi il proprio cuore, muti i suoi pensieri, si lasci insomma guidare dal Vangelo più che dal proprio orgoglio, dai propri istinti o dalle proprie abitudini. Solo obbedendo al Vangelo e alla sua pedagogia possiamo crescere in sapienza e in amore. È la grande questione dell'arte pastorale, come la chiamavano i Padri della Chiesa. Si tratta di un impegno che riguarda in maniera prioritaria i "pastori", ossia i responsabili della comunità, perché si impegnino per la crescita interiore dei credenti. In verità, ogni discepolo è chiamato a correggere se stesso e ad aiutare gli altri a crescere nella fede e nella santità. L'autore chiede a tutti i cristiani di vigilare perché "nessuno si privi della grazia di Dio". Si potrebbe dire che l'intera comunità è chiamata a vigilare, ossia a esercitare il compito "episcopale" di curare la fede dei propri fratelli e delle proprie sorelle. Fa parte di questa vigilanza anche l'attenzione a non far crescere nella comunità le "radici velenose", ossia quegli atteggiamenti egocentrici che ne turbano la vita e ne impediscono la crescita.


04/02/2015
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica