Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Pier Damiani (1007-1072). Fedele alla sua vocazione monastica, amò tutta la Chiesa e spese la sua vita per riformarla. Ricordo dei monaci in ogni parte del mondo.


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro del profeta Isaia 58,1-9a

Grida a squarciagola, non avere riguardo;
alza la voce come il corno,
dichiara al mio popolo i suoi delitti,
alla casa di Giacobbe i suoi peccati.
Mi cercano ogni giorno,
bramano di conoscere le mie vie,
come un popolo che pratichi la giustizia
e non abbia abbandonato il diritto del suo Dio;
mi chiedono giudizi giusti,
bramano la vicinanza di Dio:
"Perché digiunare, se tu non lo vedi,
mortificarci, se tu non lo sai?".
Ecco, nel giorno del vostro digiuno curate i vostri affari,
angariate tutti i vostri operai.
Ecco, voi digiunate fra litigi e alterchi
e colpendo con pugni iniqui.
Non digiunate più come fate oggi,
così da fare udire in alto il vostro chiasso.
È forse come questo il digiuno che bramo,
il giorno in cui l'uomo si mortifica?
Piegare come un giunco il proprio capo,
usare sacco e cenere per letto,
forse questo vorresti chiamare digiuno
e giorno gradito al Signore?
Non è piuttosto questo il digiuno che voglio:
sciogliere le catene inique,
togliere i legami del giogo,
rimandare liberi gli oppressi
e spezzare ogni giogo?
Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato,
nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto,
nel vestire uno che vedi nudo,
senza trascurare i tuoi parenti?
Allora la tua luce sorgerà come l'aurora,
la tua ferita si rimarginerà presto.
Davanti a te camminerà la tua giustizia,
la gloria del Signore ti seguirà.
Allora invocherai e il Signore ti risponderà,
implorerai aiuto ed egli dirà: "Eccomi!".
Se toglierai di mezzo a te l'oppressione,
il puntare il dito e il parlare empio,

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Nel tempo di Quaresima ci viene chiesto anche il digiuno, come abbiamo ascoltato il mercoledì delle Ceneri. Ai tempi del profeta – siamo nell'ultima parte del libro di Isaia, cioè nel periodo dopo l'esilio a Babilonia – il digiuno era un atto solenne e pubblico, che coinvolgeva la comunità. Esso di per sé esprimeva il desiderio e la ricerca di un popolo, che voleva incontrare il suo Dio: "Mi cercano ogni giorno, bramano di conoscere le mie vie". Eppure, si chiede il profeta, è possibile un digiuno, un atto di pentimento e di riconciliazione con il Signore, senza la giustizia, senza la misericordia, senza l'amore per i poveri? È una domanda rivolta ad ognuno di noi all'inizio di questo tempo. Dio indica con chiarezza il digiuno che egli vuole e gradisce. Lo fa in due tempi. Prima spiega che un digiuno solo esteriore non gli è gradito, anzi è inutile, non assolve al suo compito, non riconcilia l'uomo con Dio. Poi mostra qual è il digiuno che invece vuole. Seguono due serie di azioni, composte da tre indicazioni e da una conclusiva che riassume le altre. Le prime tre sono: "Sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi". Si tratta di azioni che invitano a liberare dall'oppressione, dalla schiavitù e dalla sottomissione. Il giogo era il segno della schiavitù e dell'oppressione. L'ultima azione riassume le prime tre: "spezzare ogni giogo", ossia non opprimere nessuno, non usare violenza a nessuno, anzi impegnarsi per liberare gli oppressi. Seguono poi le altre tre azioni: "Dividere il pane con l'affamato, introdurre in casa i miseri, senza tetto, vestire chi è nudo". Siamo ora di fronte a gente misera e poveri, senza i mezzi necessari per vivere, dal cibo, alla casa, al vestito. La traduzione dell'ultima frase non è "non trascurare i propri parenti", quanto piuttosto "non distogliere gli occhi da quelli della tua carne". E chi sono quelli della tua carne? Sono coloro che sono stati nominati prima, ossia gli affamati, i senza tetto, i nudi. Sono loro "quelli della tua carne", sono loro i veri "tuoi parenti". Si tratta di un'affermazione straordinaria per l'Antico Testamento, che diverrà poi chiara nei Vangeli, a partire da quel bellissimo passo di Matteo in cui Gesù si identifica con "i miei fratelli più piccoli", i poveri (Mt 25,31 ss). Sarà proprio nella pratica di questo digiuno da se stessi che si esprime nella sollecitudine e nella solidarietà con gli oppressi e i poveri che ognuno potrà essere luce per il mondo e sarà guarito dalle sue ferite: "Allora la tua luce sorgerà come l'aurora, la tua ferita si rimarginerà presto".


20/02/2015
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
FEB
19
domenica 19 febbraio
Liturgia della domenica
FEB
20
lunedì 20 febbraio
Preghiera per la pace
FEB
21
martedì 21 febbraio
Preghiera con Maria, madre del Signore
FEB
22
mercoledì 22 febbraio
Preghiera degli Apostoli
FEB
23
giovedì 23 febbraio
Preghiera per la Chiesa
FEB
24
venerdì 24 febbraio
Preghiera della Santa Croce
FEB
25
sabato 25 febbraio
Vigilia del giorno del Signore
FEB
26
domenica 26 febbraio
Liturgia della domenica