Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Cirillo vescovo di Gerusalemme. Preghiera per Gerusalemme e per la pace in Terra Santa.


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro del profeta Isaia 49,8-15

Così dice il Signore:
"Al tempo della benevolenza ti ho risposto,
nel giorno della salvezza ti ho aiutato.
Ti ho formato e ti ho stabilito
come alleanza del popolo,
per far risorgere la terra,
per farti rioccupare l'eredità devastata,
per dire ai prigionieri: "Uscite",
e a quelli che sono nelle tenebre: "Venite fuori".
Essi pascoleranno lungo tutte le strade,
e su ogni altura troveranno pascoli.
Non avranno né fame né sete
e non li colpirà né l'arsura né il sole,
perché colui che ha misericordia di loro li guiderà,
li condurrà alle sorgenti d'acqua.
Io trasformerò i miei monti in strade
e le mie vie saranno elevate.
Ecco, questi vengono da lontano,
ed ecco, quelli vengono da settentrione e da occidente
e altri dalla regione di Sinìm".
Giubilate, o cieli,
rallégrati, o terra,
gridate di gioia, o monti,
perché il Signore consola il suo popolo
e ha misericordia dei suoi poveri.
Sion ha detto: "Il Signore mi ha abbandonato,
il Signore mi ha dimenticato".
Si dimentica forse una donna del suo bambino,
così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere?
Anche se costoro si dimenticassero,
io invece non ti dimenticherò mai.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il brano che abbiamo ascoltato è tratto da quella parte del libro di Isaia scritta durante l'esilio. L'autore sacro l'ha posto subito dopo il secondo canto del servo di Dio (Is 49,1-6). E descrive con qualche enfasi il ritorno di Israele in patria e la ricostruzione di Gerusalemme. È un annuncio di gioia e di speranza che coinvolge l'intera creazione. Tutta l'umanità, i cieli, la terra e i monti sono invitati ad esultare insieme perché il Signore non si è stancato del suo popolo, non si è dimenticato di lui, non lo ha abbandonato anche se si è allontanato da lui. Il suo amore è saldo, perenne e forte. Israele sa bene, per esperienza ripetuta, che il Signore non lo ha mai abbandonato. È vero il contrario: quante volte Israele ha voltato le spalle al Signore per legarsi ad altri dèi! Ed è il Signore stesso che si avvicina nuovamente e gli ricorda: "Al tempo della misericordia ti ho ascoltato" (v. 8). Possiamo dire che il "tempo della misericordia" è l'intera storia di Israele. Nonostante l'infedeltà del popolo, il Signore non riesce a "dimenticarlo". Dopo un periodo di purificazione e di esilio il Signore è disposto a far "risorgere il paese", a radunare di nuovo i figli dispersi di Israele e a prospettare per loro un futuro di pace e di prosperità. E si avvicina al suo popolo non come un giudice maestoso e implacabile, ma come "colui che ha pietà"; come una madre tenera che si prende cura dei suoi figli e si commuove per loro. È un amore così alto e straordinario da essere difficile persino da comprendere: "Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio del suo grembo? Anche se vi fosse una donna che si dimenticasse, io invece non ti dimenticherò mai" (v. 15). Sono affermazioni davvero impensabili con la sola ragione. Ma esse sono alla radice della nostra fede. Come non commuoversi di fronte a un Dio così pronto a mischiarsi con la nostra storia anche di peccato? E se non bastasse ha voluto ancora andare oltre con l'incarnazione del suo stesso Figlio. E l'apostolo Paolo giunge a scrivere: "Ora a stento qualcuno è disposto a morire per un giusto; forse qualcuno oserebbe morire per una persona buona. Ma Dio dimostra il suo amore verso di noi nel fatto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi" (Rm 5,7-8). E lo contempleremo tra non molto, mentre va a morire per noi sulla croce.


18/03/2015
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
12
lunedì 12 dicembre
Preghiera per i poveri
DIC
13
martedì 13 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
14
mercoledì 14 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
15
giovedì 15 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
16
venerdì 16 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
17
sabato 17 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
18
domenica 18 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri