Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

In Israele è il giorno della Memoria della Shoah, in cui si ricorda lo sterminio del popolo ebraico ad opera dei nazisti durante la Seconda guerra mondiale.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal vangelo di Giovanni 10,1-10

"In verità, in verità io vi dico: chi non entra nel recinto delle pecore dalla porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. Chi invece entra dalla porta, è pastore delle pecore. Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore, ciascuna per nome, e le conduce fuori. E quando ha spinto fuori tutte le sue pecore, cammina davanti a esse, e le pecore lo seguono perché conoscono la sua voce. Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei". Gesù disse loro questa similitudine, ma essi non capirono di che cosa parlava loro.
Allora Gesù disse loro di nuovo: "In verità, in verità io vi dico: io sono la porta delle pecore. Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvato; entrerà e uscirà e troverà pascolo. Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

In questa pagina evangelica Gesù si propone come il "buon pastore" che raccoglie le pecore disperse e le guida sulla via di Dio. Se l'immagine è antica, la sua verità è quanto mai attuale. Forse mai come oggi gli uomini e le donne vivono una condizione di dispersione e di solitudine. L'individualismo, annidato nel cuore di ogni uomo, oggi sembra ancor più forte di ieri: la società è divenuta più competitiva, più aggressiva e quindi più crudele. La spinta alla disgregazione è più forte di quella verso la solidarietà: persone singole e popoli sentono i propri interessi al di sopra di tutto e di tutti. Crescono sempre più le distanze e i conflitti. Il sogno dell'uguaglianza è ritenuto persino pericoloso. Addirittura si esalta come un valore il fatto di non dover dipendere da nessuno e di non lasciarsi influenzare o condizionare mai da nessuno. In questo clima crescono e si moltiplicano i "ladri" e i "briganti", ossia coloro che rubano la vita degli altri per il guadagno personale. Anche la vita umana diventa una merce da vendere e da rubare. La dittatura del mercato non risparmia nessuno. E i più deboli sono i più penalizzati e violentati. La globalizzazione che certamente ha avvicinato i popoli non li ha però resi fratelli. C'è bisogno di un "buon pastore" che conosce le pecore e le salva, una ad una, conducendole tutte nei pascoli perché si nutrano a sufficienza. Troppi invece sono i "ladri" e i "briganti" che continuano a rubare la vita degli altri, soprattutto dei più piccoli, degli anziani, degli indifesi. E in tanti rischiamo di diventare loro complici. Infatti, ogni volta che ci rinchiudiamo nel nostro egocentrismo, non solo siamo noi stessi preda di costoro, ma diveniamo complici delle loro ruberie. Non a caso papa Francesco ha stigmatizzato la globalizzazione dell'indifferenza, l'assenza del pianto per chi muore abbandonato. E sant'Ambrogio, a ragione, notava: "Quanti padroni finiscono per avere coloro che rifiutano l'unico Signore!". Gesù, pastore buono, ci raccoglie dalla dispersione per guidarci verso un comune destino; e se occorre va a prendere personalmente chi si è smarrito per ricondurlo nell'ovile. Per far questo non teme di dover passare, se necessario, attraverso la morte, certo che il Padre restituisce la vita a chi la spende con generosità per gli altri. È il miracolo della Pasqua. Gesù risorto è la porta che si è aperta perché noi potessimo entrare nella vita che non finisce. Gesù non solo non ci ruba la vita, al contrario ce la dona in abbondanza. Moltiplicata per l'eternità.


27/04/2015
Memoria dei poveri


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri