Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Chiunque vive crede in me
non morrà in eterno.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla seconda lettera di Paolo ai Corinzi 5,14-21

L'amore del Cristo infatti ci possiede; e noi sappiamo bene che uno è morto per tutti, dunque tutti sono morti. Ed egli è morto per tutti, perché quelli che vivono non vivano più per se stessi, ma per colui che è morto e risorto per loro. Cosicché non guardiamo più nessuno alla maniera umana; se anche abbiamo conosciuto Cristo alla maniera umana, ora non lo conosciamo più così. Tanto che, se uno è in Cristo, è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, ne sono nate di nuove.
Tutto questo però viene da Dio, che ci ha riconciliati con sé mediante Cristo e ha affidato a noi il ministero della riconciliazione. Era Dio infatti che riconciliava a sé il mondo in Cristo, non imputando agli uomini le loro colpe e affidando a noi la parola della riconciliazione. In nome di Cristo, dunque, siamo ambasciatori: per mezzo nostro è Dio stesso che esorta. Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio. Colui che non aveva conosciuto peccato, Dio lo fece peccato in nostro favore, perché in lui noi potessimo diventare giustizia di Dio.


 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Se tu credi, vedrai la gloria di Dio,
dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo torna a spiegare il senso del suo ministero apostolico perché i Corinzi sappiano rispondere a coloro che si presentavano pieni di se stessi, vantandosi delle loro esperienze religiose e della loro sapienza. Paolo, invece, preso "in maniera folle" dall'amore di Cristo ("se siamo fuori di senno, lo siamo per Dio"), afferma che i credenti non vivono più per se stessi ma per Gesù che è morto e risorto per tutti. È questo il cuore del Vangelo. E chi lo accoglie diviene una creatura nuova perché trova il senso nuovo dell'esistenza: appunto, non vivere più per se stessi, che è il "vangelo" del mondo, quello che tutti i presenti gridavano a Gesù mentre era sulla croce: "Salva te stesso!". Il Vangelo di Cristo invece è l'amore che non conosce limite alcuno, l'amore che giunge a perdonare coloro che ci offendono e che spinge ad amare anche i nemici. Purtroppo è davvero difficile comprendere che questo è il cuore della vita cristiana, ed è la vera novità di cui ha bisogno il mondo. Troppo spesso, invece, ci lasciamo prendere dalla schiavitù dell'amore solo per noi stessi. Abbiamo bisogno di continuare a rivolgere il nostro sguardo e il nostro cuore al Signore e apprendere da lui il senso della vita. Se lo accogliamo nel cuore, se ci nutriamo della sua parola e del suo corpo, se viviamo nella comunione con i fratelli, anche noi saremo rinnovati. Scrive l'apostolo: "Se uno è in Cristo, egli è una nuova creazione. Le cose vecchie sono passate. Ecco, sono diventate nuove" (v.17). Se restiamo uniti a Gesù e alla sua Chiesa siamo riconciliati con Dio. L'apostolo pertanto si fa ministro della riconciliazione, ambasciatore di Cristo, per essere rinnovati. Nessuno può riconciliarsi da se stesso, nessuno può autoperdonarsi. C'è bisogno dell'apostolo che continua a insistere: "Riconciliatevi con Dio!". Il Signore, sembra dire Paolo, ci ama a tal punto da non imputarci neppure i nostri peccati, né ci condanna per essi. Gesù, infatti, pur di salvarci dalla condanna, si è fatto lui stesso peccato per noi. Ed ha affidato ai discepoli il ministero di riconciliazione. In un mondo lacerato dalle divisioni, divorato dal male e avaro nel perdonare, c'è bisogno che i credenti manifestino misericordia, pietà, compassione. Tra i tanti momenti in cui manifestare l'amore e il perdono vi è quello tutto particolare rappresentato dal sacramento della confessione: è il momento alto in cui Dio si piega su di noi con una misericordia infinita. È la gioia dell'abbraccio con il Signore che il ministro in quel momento rappresenta.


13/06/2015
Vigilia del giorno del Signore


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri