Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi siete una stirpe eletta,
un sacerdozio regale, nazione santa,
popolo acquistato da Dio
per proclamare le sue meraviglie.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del Deuteronomio 34,1-12

Poi Mosè salì dalle steppe di Moab sul monte Nebo, cima del Pisga, che è di fronte a Gerico. Il Signore gli mostrò tutta la terra: Gàlaad fino a Dan, tutto Nèftali, la terra di Èfraim e di Manasse, tutta la terra di Giuda fino al mare occidentale e il Negheb, il distretto della valle di Gerico, città delle palme, fino a Soar. Il Signore gli disse: "Questa è la terra per la quale io ho giurato ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe: "Io la darò alla tua discendenza". Te l'ho fatta vedere con i tuoi occhi, ma tu non vi entrerai!".
Mosè, servo del Signore, morì in quel luogo, nella terra di Moab, secondo l'ordine del Signore. Fu sepolto nella valle, nella terra di Moab, di fronte a Bet-Peor. Nessuno fino ad oggi ha saputo dove sia la sua tomba. Mosè aveva centoventi anni quando morì. Gli occhi non gli si erano spenti e il vigore non gli era venuto meno. Gli Israeliti lo piansero nelle steppe di Moab per trenta giorni, finché furono compiuti i giorni di pianto per il lutto di Mosè.
Giosuè, figlio di Nun, era pieno dello spirito di saggezza, perché Mosè aveva imposto le mani su di lui. Gli Israeliti gli obbedirono e fecero quello che il Signore aveva comandato a Mosè.
Non è più sorto in Israele un profeta come Mosè, che il Signore conosceva faccia a faccia, per tutti i segni e prodigi che il Signore lo aveva mandato a compiere nella terra d'Egitto, contro il faraone, contro i suoi ministri e contro tutta la sua terra, e per la mano potente e il terrore grande con cui Mosè aveva operato davanti agli occhi di tutto Israele.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Voi sarete santi
perché io sono santo, dice il Signore.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Solo dopo che Mosè ha parlato al popolo ed ha lasciato il suo ruolo a chi sarebbe venuto dopo di lui, Dio gli mostra tutto il paese che aveva cercato e sognato. Non possedere, non toccare, non vedere con la materiale esperienza, non significa non gioire e non trovare quello in cui si è creduto e che si è fatto! E quanto è vero che possedere non significa capire e conservare! Quante delusioni nascono proprio dall'orgoglio che fa credere nostro quello di cui ci si impadronisce, che fa pensare inutile quello che noi non controlliamo. Così spesso rendiamo impossibile la speranza e non sappiamo godere del tanto che abbiamo. Mosè salì sul monte Nebo e da lì il Signore gli mostrò tutto il paese. Il Signore sembra volere rassicurare Mosé che la sua speranza e i frutti del suo cammino non sono persi perché non li possederà direttamente! Dio promette quello che in realtà l'uomo cerca: il futuro, la discendenza, ciò che andrà oltre il proprio personale limite! Non a caso il Deuteronomio racconta che nonostante gli anni i suoi occhi non si erano spenti e il vigore non gli era venuto meno. Giosué continua dopo di lui, perché Mosè aveva imposto le mani su di lui. Chi vuole conservare tutto di sé lo perde lui e lo toglie agli altri. Il libro commenta che non è più sorto in Israele un profeta come Mosè, lui con il quale il Signore parlava faccia a faccia. Eppure di lui non si conserva nemmeno la tomba. Proprio perché si è pensato umilmente, fino alla fine, solo servo di Dio. E per questo i frutti rimangono. Lasciare agli altri, seguire quanto il Signore ci chiede, anche se ci sembra umanamente poco o addirittura deludente, è la vera risposta alla domanda di eternità e di pienezza che la nostra vita contiene in se stessa.


12/08/2015
Memoria dei Santi e dei Profeti


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri