Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di san Massimiliano Kolbe, prete martire dell'amore, che accettò di morire nel campo di concentramento di Auschwitz per salvare la vita di un altro uomo.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro di Giosuè 24,1-13

Giosuè radunò tutte le tribù d'Israele a Sichem e convocò gli anziani d'Israele, i capi, i giudici e gli scribi, ed essi si presentarono davanti a Dio. Giosuè disse a tutto il popolo:
"Così dice il Signore, Dio d'Israele:
"Nei tempi antichi i vostri padri, tra cui Terach, padre di Abramo e padre di Nacor, abitavano oltre il Fiume. Essi servivano altri dèi. Io presi Abramo, vostro padre, da oltre il Fiume e gli feci percorrere tutta la terra di Canaan. Moltiplicai la sua discendenza e gli diedi Isacco. A Isacco diedi Giacobbe ed Esaù; assegnai a Esaù il possesso della zona montuosa di Seir, mentre Giacobbe e i suoi figli scesero in Egitto.
In seguito mandai Mosè e Aronne e colpii l'Egitto con le mie azioni in mezzo a esso, e poi vi feci uscire. Feci uscire dall'Egitto i vostri padri e voi arrivaste al mare. Gli Egiziani inseguirono i vostri padri con carri e cavalieri fino al Mar Rosso, ma essi gridarono al Signore, che pose fitte tenebre fra voi e gli Egiziani; sospinsi sopra di loro il mare, che li sommerse: i vostri occhi hanno visto quanto feci in Egitto. Poi dimoraste lungo tempo nel deserto. Vi feci entrare nella terra degli Amorrei, che abitavano ad occidente del Giordano. Vi attaccarono, ma io li consegnai in mano vostra; voi prendeste possesso della loro terra e io li distrussi dinanzi a voi. In seguito Balak, figlio di Sippor, re di Moab, si levò e attaccò Israele. Mandò a chiamare Balaam, figlio di Beor, perché vi maledicesse. Ma io non volli ascoltare Balaam ed egli dovette benedirvi. Così vi liberai dalle sue mani.
Attraversaste il Giordano e arrivaste a Gerico. Vi attaccarono i signori di Gerico, gli Amorrei, i Perizziti, i Cananei, gli Ittiti, i Gergesei, gli Evei e i Gebusei, ma io li consegnai in mano vostra. Mandai i calabroni davanti a voi, per sgominare i due re amorrei non con la tua spada né con il tuo arco. Vi diedi una terra che non avevate lavorato, abitate in città che non avete costruito e mangiate i frutti di vigne e oliveti che non avete piantato".

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Giosuè radunò tutte le tribù d'Israele e gli anziani d'Israele e ricordò loro tutta la lunga storia di salvezza che li aveva portati fino a lì. Non dobbiamo mai dimenticare la storia di amore di Dio, della quale noi oggi godiamo i frutti. Ricordarla ci libera dalla tentazione dell'orgoglio, che così facilmente si impadronisce di quello che è solo dono. La memoria ci aiuta a comprendere quanto siamo frutto di un amore tanto più grande delle nostre povere persone e che questo non inizia con noi stessi, come nell'egocentrismo possiamo credere. Dio non vuole umiliare il popolo di Israele. Spesso gli uomini pensano che gli altri siano contenti con il protagonismo, che trovino così il loro io. No. Gli uomini sono contenti quando ricordano e sentono l'amore per la loro vita; il vero protagonismo non è l'affermazione di sé ma corrispondere all'amore che si riceve, comprenderlo e quindi perdersi in esso! Anche Gesù dirà ai suoi che senza di lui non possono fare niente. Non li umilia ma fa sentire loro quanto sono amati! Dio ricorda anche che quello che il popolo ha non è frutto del loro coraggio, della loro forza. Quando il popolo di Dio confida nella forza come qualsiasi altro popolo, perde, perché la vera forza di Israele è l'amore di Dio, la sua protezione. Tutti noi mietiamo dove non abbiamo seminato, raccogliamo frutti che altri hanno desiderato. Comprenderlo e ricordarlo ci libera dall'idea dei meriti, del possedere e ci aiuta a godere dei frutti che non sono nostri. Tutto è dono e solo questo ci rende davvero felici.


14/08/2015
Memoria di Gesù crocifisso


Calendario della settimana
NOV
27
domenica 27 novembre
Liturgia della domenica
NOV
28
lunedì 28 novembre
Preghiera per i poveri
NOV
29
martedì 29 novembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
NOV
30
mercoledì 30 novembre
Preghiera degli Apostoli
DIC
1
giovedì 1 dicembre
Preghiera per la Chiesa
DIC
2
venerdì 2 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
3
sabato 3 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri