Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Colossesi 1,24-2,3

Ora io sono lieto nelle sofferenze che sopporto per voi e do compimento a ciò che, dei patimenti di Cristo, manca nella mia carne, a favore del suo corpo che è la Chiesa. Di essa sono diventato ministro, secondo la missione affidatami da Dio verso di voi di portare a compimento la parola di Dio, il mistero nascosto da secoli e da generazioni, ma ora manifestato ai suoi santi. A loro Dio volle far conoscere la gloriosa ricchezza di questo mistero in mezzo alle genti: Cristo in voi, speranza della gloria. È lui infatti che noi annunciamo, ammonendo ogni uomo e istruendo ciascuno con ogni sapienza, per rendere ogni uomo perfetto in Cristo. Per questo mi affatico e lotto, con la forza che viene da lui e che agisce in me con potenza.


Voglio infatti che sappiate quale dura lotta devo sostenere per voi, per quelli di Laodicèa e per tutti quelli che non mi hanno mai visto di persona, perché i loro cuori vengano consolati. E così, intimamente uniti nell'amore, essi siano arricchiti di una piena intelligenza per conoscere il mistero di Dio, che è Cristo: in lui sono nascosti tutti i tesori della sapienza e della conoscenza.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Paolo, che conosce bene il legame tra l'amore e la croce, scrive ai Colossesi la sua letizia per le sofferenze che sopporta per loro. È vero, nulla va perduto del nostro dolore, nessuna sofferenza è vana, soprattutto quella che si subisce a motivo del ministero pastorale: tutto è come raccolto nel calice della sofferenza di Cristo sulla croce. Paolo mostra il senso profondo che è nascosto nella sofferenza del discepolo: ossia completare nella propria carne ciò che manca alle sofferenze di Cristo. Nell'esperienza del limite il credente, reso conforme al Crocifisso, sa che anche nella sofferenza è all'opera la potenza del Risorto. Ed è per questo che anche il dolore può essere fonte di letizia e di serenità, perché diviene occasione di comunione e di grazia: i credenti sono in comunione gli uni con gli altri, nella sofferenza ed anche nella morte. Del resto, l'aposto-lo sa che deve conformarsi a Cristo e che, per portare agli uomini il Vangelo, deve anche subire prove e ostilità. D'altra parte non può sottrarsi all'obbligo della predicazione del Vangelo, perché è qui che Dio rivela il suo disegno di salvezza sull'umanità. E lui ha ricevuto da Dio stesso la missione di "portare a compimento la Parola divina". Con quest'ultima affermazione Paolo getta una luce su cosa significa il ministero pastorale: seminare nel cuore dei credenti la Parola di Dio perché cresciamo a immagine di Cristo Gesù. È in questo senso che deve intendersi il "servizio" al Vangelo. E Paolo non esita a chiamare "mistero" la Parola di Dio: in essa infatti è presente l'amore stesso di Dio rivelato ai "santi" perché a loro volta lo comunichino a tutti gli uomini. Compito dei discepoli di ogni tempo non è quindi solo proclamare il lieto an-nuncio di Cristo in maniera astratta; bensì comunicare il Vangelo perché tocchi il cuore di chi ascolta e si converta. Il pastore ha poi il compito di esortare, di insegnare e di accompagnare ogni credente perché sappia far crescere e fruttare la Parola di Dio nel proprio cuore e crescere sino alla perfezione. È un "lavoro pesante" che Paolo paragona a una lotta faticosa. Ma è l'unica via perché il seme porti frutto. È questo il senso proprio della missione pastorale della Chiesa nel mondo. E a ragione Paolo insiste sulla destinazione universale del Vangelo: "ogni uomo" è chiamato a vivere di Cristo, a trovare in Lui il senso della propria esistenza e giungere così alla perfezione, ossia alla salvezza.


07/09/2015
Preghiera per i malati


Calendario della settimana
GEN
15
domenica 15 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
16
lunedì 16 gennaio
Preghiera per la pace
GEN
17
martedì 17 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
18
mercoledì 18 gennaio
Preghiera con i Santi
GEN
19
giovedì 19 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
20
venerdì 20 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
21
sabato 21 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica