Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dal libro del profeta Aggeo 1,1-8

L'anno secondo del re Dario, il primo giorno del sesto mese, questa parola del Signore fu rivolta per mezzo del profeta Aggeo a Zorobabele, figlio di Sealtièl, governatore della Giudea, e a Giosuè, figlio di Iosadàk, sommo sacerdote.
"Così parla il Signore degli eserciti: Questo popolo dice: "Non è ancora venuto il tempo di ricostruire la casa del Signore!"". Allora fu rivolta per mezzo del profeta Aggeo questa parola del Signore: "Vi sembra questo il tempo di abitare tranquilli nelle vostre case ben coperte, mentre questa casa è ancora in rovina? Ora, così dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene sul vostro comportamento! Avete seminato molto, ma avete raccolto poco; avete mangiato, ma non da togliervi la fame; avete bevuto, ma non fino a inebriarvi; vi siete vestiti, ma non vi siete riscaldati; l'operaio ha avuto il salario, ma per metterlo in un sacchetto forato. Così dice il Signore degli eserciti: Riflettete bene sul vostro comportamento! Salite sul monte, portate legname, ricostruite la mia casa. In essa mi compiacerò e manifesterò la mia gloria - dice il Signore.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Aggeo, fra tutti i profeti di Israele, è quello che più insiste sulla ricostruzione del Tempio. La sua profezia è collocata nel 520 a.C. mentre il Tempio di Gerusalemme è ancora un cumulo di rovine. I Giudei, infatti, sebbene fossero tornati dall'esilio non avevano ancora ricostruito il Tempio. Per sei mesi Aggeo predica quasi esclusivamente sulla necessità della sua ricostruzione: "Salite nella regione montuosa, portate il legname e ricostruite la casa: io me ne compiacerò e sarò glorificato", dice il Signore (1,8). Appare quasi esagerata questa insistenza. Certo è molto diversa da quella di altri profeti che spingevano alla conversione del cuore e alle opere di giustizia piuttosto che al culto del Tempio. C'è anche da dire che la maggior parte della gente versava in condizioni di estrema povertà: la siccità aveva rovinato i raccolti (1,10-11), ridotto la gente alla fame (1,6) e provocato un avanzamento del deserto nei terreni agricoli. E per di più, diversi anni prima, l'ostilità dei samaritani li aveva scoraggiati dal tentare di ricostruire il Tempio (Esd 4,4-5). Del resto, perché avrebbero dovuto preoccuparsi della presenza di Dio, quando la loro condizione era segnata da una sorte avversa e dal dominio di una potenza straniera? Il profeta Aggeo vuole che il popolo di Israele rifletta sulla triste condizione in cui si trova: "Riflettete bene sulla vostra condotta!" (1,5.7). La loro lontananza da Dio era infatti la vera causa della tragedia che stavano vivendo. Era così per il popolo del Signore allora ed è così anche oggi. Quante volte dimentichiamo il Signore per pensare solo a noi stessi divenendo così complici di una vita triste non solo per noi ma anche per gli altri? Tornano in mente le parole che Gesù disse a coloro che lo seguivano: "Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in più" (Mt. 6,33). La ricerca di Dio e della sua giustizia sono alla base di una vita degna e solidale. Per Aggeo, la ricostruzione del Tempio significava tornare a porre il Signore al centro sia della propria vita personale che dell'intero popolo. In effetti la parola profetica ottenne il suo effetto: Zorobabel, Giosuè e il popolo sgomberarono il sito del Tempio dalle macerie nel giro di tre settimane e il 21 settembre, stando al rapporto del redattore di Aggeo (1,12-15), furono gettate le fondamenta del nuovo edificio (è quanto viene narrato nei primi capitoli del libro di Esdra). È un invito anche a noi a sgomberare il cuore dai tanti affanni che ci appesantiscono per renderlo tempio santo di Dio.


24/09/2015
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica