Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Memoria di Zaccaria e di Elisabetta, che nella vecchiaia concepì Giovanni Battista.


Lettura della Parola di Dio

Alleluia, alleluia, alleluia !

Io sono il buon pastore,
le mie pecore ascoltano la mia voce
e diventeranno
un solo gregge e un solo ovile.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Dalla lettera di Paolo ai Romani 14,7-12

Nessuno di noi, infatti, vive per se stesso e nessuno muore per se stesso, perché se noi viviamo, viviamo per il Signore, se noi moriamo, moriamo per il Signore. Sia che viviamo, sia che moriamo, siamo del Signore. Per questo infatti Cristo è morto ed è ritornato alla vita: per essere il Signore dei morti e dei vivi.
Ma tu, perché giudichi il tuo fratello? E tu, perché disprezzi il tuo fratello? Tutti infatti ci presenteremo al tribunale di Dio, perché sta scritto:

Io vivo, dice il Signore:
ogni ginocchio si piegherà davanti a me
e ogni lingua renderà gloria a Dio.

Quindi ciascuno di noi renderà conto di se stesso a Dio.

 

Alleluia, alleluia, alleluia !

Vi do un comandamento nuovo:
che vi amiate l'un l'altro.

Alleluia, alleluia, alleluia !

Questa pagina della Lettera è incentrata sull'attenzione da avere verso i "deboli" della comunità, ossia verso coloro la cui fede non è ancora salda e si fanno scrupoli religiosi sui cibi da mangiare. Certo, vi erano – a Roma come a Corinto – i "forti", ossia coloro che si ritenevano liberi da ogni legame della tradizione e i "deboli", quelli che ancora vivevano secondo norme legate all'ambiente giudeo-cristiano. La disputa si concentrava soprattutto sulla questione della purità o meno del cibo. In verità, la gravità della situazione consisteva nelle forti accuse reciproche che i due gruppi si rivolgevano l'uno contro l'altro. Paolo ha parole severe per coloro che giudicano e disprezzano gli altri. Costoro, infatti, indeboliscono la comunità, non amando ciò che edifica, dissipando così l'energia della comunione. L'apostolo richiama i cristiani al primato della fraternità e della comunione: i discepoli sono chiamati anzitutto a vivere per il Signore e per il suo Vangelo e non per se stessi o per le proprie idee. Il Vangelo e solo il Vangelo è la fonte e la ragione stessa della comunione tra i credenti. Non è l'osservanza che unisce, non è la "forza" del proprio orgoglio e neppure la "debolezza" di una vita rinunciataria che salvano la comunione nella comunità cristiana. Ciò che salva è sempre e solo l'amore di Dio accolto e praticato. È pertanto dovere prioritario custodire e difendere l'amore fraterno che riceviamo dall'alto. E per questo è il bene più prezioso da preservare. Da questo infatti – dice Gesù – riconosceranno che siamo suoi discepoli.


05/11/2015
Memoria della Chiesa


Calendario della settimana
GEN
22
domenica 22 gennaio
Liturgia della domenica
GEN
23
lunedì 23 gennaio
Preghiera per i poveri
GEN
24
martedì 24 gennaio
Preghiera con Maria, madre del Signore
GEN
25
mercoledì 25 gennaio
Preghiera degli Apostoli
GEN
26
giovedì 26 gennaio
Preghiera per la Chiesa
GEN
27
venerdì 27 gennaio
Preghiera della Santa Croce
GEN
28
sabato 28 gennaio
Vigilia del giorno del Signore
GEN
29
domenica 29 gennaio
Liturgia della domenica