Riccardi Andrea: sul web

Riccardi Andrea: sui social network

change language
sei in: home - preghiera - preghier...i giorno contattinewsletterlink

Sostieni la Comunità

  

Preghiera ogni giorno


 
versione stampabile

Icona del Santo Volto
Chiesa di Sant'Egidio - Roma

 

Nella Basilica di Santa Maria in Trastevere si prega per la pace.


Lettura della Parola di Dio

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Questo è il Vangelo dei poveri,
la liberazione dei prigionieri,
la vista dei ciechi,
la libertà degli oppressi.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Dal libro del Levitico 19,1-2.11-18

Il Signore parlò a Mosè e disse: "Parla a tutta la comunità degli Israeliti dicendo loro: "Siate santi, perché io, il Signore, vostro Dio, sono santo.
Non ruberete né userete inganno o menzogna a danno del prossimo.
Non giurerete il falso servendovi del mio nome: profaneresti il nome del tuo Dio. Io sono il Signore.
Non opprimerai il tuo prossimo, né lo spoglierai di ciò che è suo; non tratterrai il salario del bracciante al tuo servizio fino al mattino dopo.
Non maledirai il sordo, né metterai inciampo davanti al cieco, ma temerai il tuo Dio. Io sono il Signore.
Non commetterete ingiustizia in giudizio; non tratterai con parzialità il povero né userai preferenze verso il potente: giudicherai il tuo prossimo con giustizia. Non andrai in giro a spargere calunnie fra il tuo popolo né coopererai alla morte del tuo prossimo. Io sono il Signore.
Non coverai nel tuo cuore odio contro il tuo fratello; rimprovera apertamente il tuo prossimo, così non ti caricherai di un peccato per lui. Non ti vendicherai e non serberai rancore contro i figli del tuo popolo, ma amerai il tuo prossimo come te stesso. Io sono il Signore.

 

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il Figlio dell'uomo
è venuto a servire,
chi vuole essere grande
si faccia servo di tutti.

Lode a te, o Signore, sia lode a te.

Il brano del Levitico è racchiuso tra due comandi, che fanno da corona a una sorta di decalogo riportato dall'autore sacro: "Siate santi, perché io sono santo" e: "Amerai il prossimo tuo come te stesso". Dio e prossimo sono anche qui collegati dalla Parola di Dio, ma in modo diverso dal duplice comandamento dell'amore di Dio e del prossimo. La santità è la condizione stessa di Dio. Egli cioè è altro da noi, separato, trascendente, ma non rinchiuso nella sua esistenza. Dio chiede a noi di partecipare alla sua stessa vita. Ecco allora l'invito: "Siate santi". Sembra dirci: non abbiate paura di prendere parte al mio stesso modo di essere, alla mia perfezione. L'amore per il prossimo realizza l'invito alla santità, rende possibile ad ognuno di partecipare alla vita divina e alla sua condizione. All'interno di questi due inviti si racchiudono dei comandi che tracciano il modo concreto per divenire santi. Alcuni di essi sono simili al Decalogo di Esodo 20, come ad esempio il versetto 11 che riprende il settimo e l'ottavo comandamento: "Non ruberete né userete inganno e menzogna a danno del prossimo". Quest'ultimo viene in parte ripreso anche ai versetti 15 e 16, dove si parla dell'ingiustizia in tribunale e della calunnia. I comandi riguardano soprattutto il prossimo che è nel bisogno: non opprimere il prossimo né privarlo dei suoi beni, pagare l'operaio, non maledire il sordo e non ostacolare il cieco, giudicare con giustizia in tribunale, non spargere calunnie e non cooperare alla morte del prossimo (ci si riferisce forse alla possibilità di condannare qualcuno per falsa testimonianza, come avvenne ad esempio per Nabot in 1 Re 21), non covare odio bensì rimproverare apertamente il prossimo, non vendicarsi né serbare rancore. Come possiamo constatare, nonostante il linguaggio sia segnato dalla prassi giuridica del tempo, questi comandi sono davvero molto attuali e ci aiutano a riflettere su quei comportamenti concreti che ci impediscono di percorrere la via della santità amando il prossimo come noi stessi. Il Signore non ci chiede una misura impossibile. Tuttavia, se pensiamo a quanto ognuno ama se stesso, ci immaginiamo quanto sarebbe diversa la nostra vita se vivessimo la stessa misura di amore verso gli altri.


15/02/2016
Preghiera per la pace


Calendario della settimana
DIC
4
domenica 4 dicembre
Liturgia della domenica
DIC
5
lunedì 5 dicembre
Preghiera per i malati
DIC
6
martedì 6 dicembre
Preghiera con Maria, madre del Signore
DIC
7
mercoledì 7 dicembre
Preghiera con i Santi
DIC
8
giovedì 8 dicembre
Festa dell'Immacolata Concezione di Maria
DIC
9
venerdì 9 dicembre
Preghiera della Santa Croce
DIC
10
sabato 10 dicembre
Vigilia del giorno del Signore
DIC
11
domenica 11 dicembre
Liturgia della domenica

Per Natale, regala il Natale! Aiutaci a preparare un vero pranzo in famiglia per i nostri amici più poveri